Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Bus Asf, i sindacati a prefetto e Confindustria: “Nastro per separare autisti e passeggeri”

I sindacati dei trasporti comaschi Filt Cgil, Fit Cisl e Uil Trasporti chiedono un intervento immediato al Prefetto, Confindustria e, nello specifico, a Asf autolinee in relazione all’emergenza Coronavirus.

Alleghiamo la nota diffusa oggi 13 marzo.

“Come segnalato nella nota unitaria inviata all’azienda, non sono attuate le adeguate misure di sicurezza per i suoi dipendenti che svolgono la mansione di autista, che a tutt’oggi con grande senso di responsabilità lavorano ininterrottamente – scrivono in una nota i sindacati – Nello specifico i conducenti degli autobus chiedono che venga delimitato l’accesso alla cabina guida con nastri di plastica in modo da tenere la distanza minima di sicurezza”.

“Riguardo alle nostre richieste – aggiungono i sindacati – l’azienda ha attuato il blocco delle porte anteriori dei bus e affisso cartellonistica adeguata, ma in più occasioni è stato chiesto di chiudere la parte del corridoio che si avvicina alla cabina dell’autista, con dei nastri di delimitazione rosso/bianchi tra i primi sedili del corridoio, ma sono sempre state adottate soluzioni non sufficienti da impedire l’eventuale avvicinamento dei passeggeri, dando come risposta che non può essere ostacolato l’eventuale accesso alla porta anteriore in caso di emergenza”.

“Premesso che tali nastri hanno resistenze talmente limitate da non compromettere la sicurezza e premesso che in molte aziende nazionali hanno adottato questo sistema derogando con senso di responsabilità a tutela sia del servizio che del personale impiegato – è la conclusione della nota – chiediamo che venga adottato anche in questa azienda tale metodo limitando l’accesso nel corridoio al posto guida”.

Filt Cgil: Giovanni Riccardi
Fit Cisl: Filippo Ghibaudi
Uil Trasporti: Renato Roverselli

CORONAVIRUS TUTTI GLI AGGIORNAMENTI DA COMO, LOMBARDIA E TICINO

TAG ARTICOLO:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: