Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Dopo la decisione su Lombardia arancione, ira Fontana: “Stillicidio, basta verifica settimanale”

Dopo le anticipazioni d’agenzia di oggi la conferma di cui davamo conto poco fa: Lombardia arancione da lunedì.

Qui i dettagli:

Ufficiale: Lombardia in zona arancione da lunedì primo marzo. Chiudono bar e ristoranti

Tanto è bastato per una nuova accusa del presidente lombardo, Attilio Fontana: “Mi ha appena chiamato il ministro della Salute, Roberto Speranza, per comunicare che da lunedì prossimo, 1 marzo, la Lombardia sarà in fascia arancione. Prendiamo atto della decisione, ma è arrivato il momento che i tecnici e gli scienziati studino e poi ci dicano in modo chiaro e definito come superare questo stillicidio settimanale attraverso regole stabili e sicure. Le informazioni scientifiche ormai ci sono. I cittadini e le imprese devono essere garantiti nella vita quotidiana con un orizzonte più lungo della verifica settimanale. Hanno necessità di programmare e avere maggiori certezze. Il nuovo Governo può dare un importante segnale di discontinuità su questo tema e – sono certo – avrà al suo fianco le regioni”.

“Ogni settimana, da mesi – aggiunge il governatore – il venerdì, tutte le regioni e i cittadini del nostro Paese attendono il responso e l’Ordinanza del ministero della salute, in un inevitabile quadro di oscillazioni di aperture e chiusure per le attività non solo economiche”.

“Sono mesi che nell’ interlocuzione con il Governo – conclude Fontana – insisto su un punto: sappiamo molto bene quali sono i comportamenti non pericolosi e quelli compatibili con le diverse attività sociali ed economiche, a patto di seguire le regole che tutti ci siamo dati. Auspico quindi che si lavori su questo trovando un equilibro tra la necessità di garantire da un lato la sicurezza sanitaria e, dall’altro, la tenuta del sistema economico”.

3 Commenti

  1. Faccia partire controlli a tappeto invece di urlare contro le istituzioni di cui fa parte. Se tutti rispettassero le regole, e chi è preposto ai controlli li eseguisse, i casi diminuirebbero e non finiremmo in zone dove l’economia ne risente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab