RADIO COMOZERO

Ascolta la radio
con un click!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Attualità

Piazza Roma, il solito tappo dei bus turistici. Ira del commerciante: “Tutto sempre uguale e nessuno fa niente”

Nell’ambito delle riuscitissime pedonalizzazioni del centro storico di Como (vedi piazza Grimoldi e via Garibaldi) piazza Roma è stato il buco nero della giunta guidata da Mario Lucini. Via i parcheggi per una spianata dove si salvano solo gli alberi, nessuna vera rivitalizzazione e un pezzo della zona presidiato permanentemente dai bus turistici.

In campagna elettorale, nel 2017, Mario Landriscina promise il ritorno dei parcheggi, buona o cattiva idea che fosse è stato un nulla di fatto.

E la piazza resta lì, senza essere né carne, né pesce ma solo una spina nel fianco di residenti e esercenti. E’ uno di questi ultimi a contattarci oggi segnalando disagi continui, gli stessi di sempre. “La situazione non cambia, sono passati anni è tutto uguale. Con il green pass sono tornati turisti e bus che creano il consueto tappo viabilistico. Chissà mai, magari nel 2035 diventerà davvero una piazza?”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
TAG ARTICOLO:

3 Commenti

  1. Con i nuovi posteggi previsti (Gallio, ex-scalo merci, Ticosa) bisognerebbe avere il coraggio di trasformare i posteggi lungo viale Varese da blu a gialli per residenti e, contestualmente, rimuovere gli attuali posti gialli sia in piazza Roma, sia in piazza Peretta, trasformandole entrambe in vere piazza cittadine.

    Chi arriva da fuori posteggia nei nuovi posti lungo le principali direttrici di traffico (tangenziale), chi abita in centro posteggia a ridosso senza entrarci (viale Varese) e il centro con le nuove piazze diventa fruibile per tutti.

  2. Ovvio che nessuno faccia nulla perché grazie a quel posteggio c’è chi fa un botto di soldi. Sarebbe interessante sapere quanto costa posteggiare lì un bus turistico ma credo proprio dia impossibile saperlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo