Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Terza linea del forno inceneritore, domani il caso in Consiglio regionale

Terza linea del forno inceneritore di Como: dopo l’insediamento e i lavori portati avanti nei mesi passati dalla Commissione Speciale comunale, il tema approda in Regione Lombardia dove domani – martedì 3 maggio – in Consiglio si discuterà una mozione che vede tra i firmatari il consigliere pentastellato comasco Raffaele Erba. “Gli approfondimenti effettuati dalla Commissione Speciale di Como, costituita grazie all’iniziativa del nostro capogruppo Fabio Aleotti, hanno messo in luce le ragioni per cui la costruzione della terza linea dell’inceneritore causerebbe un forte impatto ambientale con gravi ricadute sulla salute e sulla mobilità dei comaschi”, dichiara Raffaele Erba. (gli approfondimenti)

Il dibattito, andato avanti per mesi, ha portato alla luce molti pareri contrari e acceso spesso vibranti polemiche. “Si discuteranno le azioni da porre in essere sugli inceneritori vetusti lombardi e sullo stop all’implementazione della terza linea dell’impianto di Como di Acsm-Agam. Una mozione di cui sono firmatario che recepisce al suo interno tutte le indicazioni provenienti dalla Commissione Speciale di Como che ha individuato nella progettazione della terza linea un errore sia in termini ambientali che in termini economici poiché esistono trattamenti più efficienti”.

Chiaro il significato e l’obiettivo che si cerca di raggiungere con la mozione. “Oggi sono ormai maturi i tempi in cui lo smaltimento dei rifiuti risponda ai principi dell’economia circolare in cui le materie prime vengono recuperate e riutilizzate. L’incenerimento dei rifiuti va progressivamente abbandonato per lasciare spazio al recupero della materia. Questi sono i contenuti della mia richiesta: votare contro tale mozione significherebbe ostacolare il progresso e opporsi ad un cambiamento positivo. L’auspicio è che prevalga il buonsenso in Regione Lombardia e che il Consiglio si esprima in modo unanime verso questo cambio di prospettiva”, conclude Raffaele Erba.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo