Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Ticosa, clamorosa beffa: oggi i 15 anni dall’abbattimento e alle 13 asta deserta per la bonifica

Alla scadenza del termine della presentazione delle offerte per la bonifica della “Cella 3” dell’area Ex Ticosa fissato per oggi alle 13, non sono arrivate offerte in Comune a Como. Le manifestazioni di interesse dello scorso 10 dicembre erano state invece 17, circa la metà delle società aveva in seguito effettuato anche il sopralluogo previsto accompagnate da tecnici del settore Ambiente del Comune di Como.

“Il 27 gennaio 2007, con una manifestazione passata poi tristemente alla storia, venne avviato l’abbattimento del corpo a C dell’ex Ticosa. Quella di oggi, il 27 gennaio, 15 anni più tardi, poteva diventare una data positiva della storia Ticosa – commenta l’assessore all’Ambiente del Comune di Como, Paolo Annoni – così purtroppo non è stato a causa dell’assenza di offerte per i lavori di bonifica. L’amministrazione si è messa immediatamente al lavoro per valutare le cause della mancanza di partecipanti alla fase conclusiva del bando e per compiere nel breve termine le opportune valutazioni su come proseguire l’iter dell’opera”.

TAG ARTICOLO:

4 Commenti

  1. L’Assessore (giornalista) Annoni prova sulla sua pelle la differenza fra stare in trincea e stare nelle redazioni o in TV a sdottoreggiare su tutto e il contrario di tutto (cun la cilapa in bun tuc!). Caro LUIGI, a prescindere dal fatto che indipendentemente dalla destinazione d’uso dell’area la bonifica rimane una precondizione necessaria ed ineludibile, spostare gli uffici pubblici in nuove sedi necessita investimenti di vaste proporzioni ,che vanno calibrate in ragione delle disponibilità di esposizione finanziaria del Comune e degli altri enti pubblici eventualmente interessati e autonomi dal Comune stesso( e anche per ciò i tempi sono indefinibili), rimane poi la questione come riutilizzare/riciclare le attuali sedi dismesse, sarebbe comico riqualificare un area e nel contempo portarne altre all’abbandono o al sotto utilizzo.

  2. Se non ci fossero tragedie più immani da ricordare, quella data segna anche l’inizio della discesa del celeste governatore e dell’onnipotente sindaco che di lì a poco ci avrebbero regalato un’altra perla: le paratie pronte in due anni. Annoni mi sembra volenteroso riuscirà a capire quali dirigenti hanno sbagliato il bando? Non credo che una bonifica possa spaventare una ditta specializzata in quel settore…

  3. Mi persi i festeggiamenti con tanto di spettacolo pirotecnico, confido in una replica questa sera (magari con aggounta di giuochi tipo salto nel cerchio di fuoco o tauromachia) c’è qualcosa in calendario che mi prenoto?!

  4. Abbattuta per non rischiare di essere obbligati a trasferirvi i principali uffici pubblici del centro città dal Comune, all’Inps, al Provveditorato e anche alla Guardia di finanza….
    La Ticosa era la sede perfetta per tali uffici poiché a fianco della tangenziale, con parcheggi a iosa etc…
    Ma i nostri politici hanno deciso che non si doveva agevolare il cittadino perché spostare uffici pubblici significa far calare l’indotto della zona in cui si trovano…. Un esempio è dato dallo spostamento dell’ospedale sant Anna che non ha di certo giovato allo indotto di Camerlata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo