Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Valduce, quella ragazza in piedi sul tetto dell’auto che cerca la mamma. La foto di Salvatore, pugno al cuore

“Abito di fronte l’ospedale Valduce a Como”.

Inizia così Salvatore Amura, già rettore dello Ied di Como (Accademia Galli), già direttore di Fondazione Volta e tante altre cose. Non ha bisogno di presentazioni, davvero.

E’ di questa sera il suo racconto. Sapete quella storia dell’immagine che vale più di un’inondazione ubriaca di parole? Ecco, è proprio è vera. Un colpo, un cazzotto, al cuore.

Dunque, racconta Salvatore (cui abbiamo chiesto di poter pubblicare parole e scatto): “Abito di fronte l’ospedale Valduce a Como, i primi piani sono occupati dai reparti Covid, da Marzo medici e infermieri si muovono freneticamente notte e giorno. Bardati e incessanti curano, portano conforto e cercano di fare tutto il possibile per salvare le persone”.

Continua Salvatore: “Capita spesso vedere familiari e amici che cercano di salutare i propri parenti, fargli sentire una vicinanza, la presenza degli affetti. Dalla strada anche per ore senza successo. Nello foto che ho scattato a tardo pomeriggio, una ragazza che da stamattina provava a salutare la sua Mamma. Si disperava perché non riusciva a vederla. Ma senza demordere. E’ sopra il tetto della sua auto che prova ancora a farsi riconoscere. Speriamo che tutto questo finisca presto”.

Non sappiamo se la mamma della ragazza sia ricoverata per Covid e non importa. Questo è quanto accade quest’anno, questo è quanto viviamo, questa è la storia degli ospedali adesso.

E, vivaddio, abbiamo questi medici, questi infermieri, questo personale sanitario. In tutte, tutte, le strutture sanitarie.

Non c’è davvero bisogno di aggiungere altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: