RADIO COMOZERO

Ascolta la radio
con un click!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Attualità, scuola, Turismo

VIDEO Al Gallio specialisti del turismo si diventa al Pc con un management game. Ecco come funziona

Il primo atto della storica e importante convenzione per l’attività di collaborazione scientifica tra il Pontificio Collegio Gallio di Como, sempre più scuola di riferimento del territorio e il CNR-ITD realtà nazionale che svolge attività di sviluppo e ricerca nell’ambito delle tecnologie educative e formative, trasformerà gli allievi del Gallio in giovanissimi manager del settore turistico. Gli studenti della più antica scuola d’Europa, fondata a Como da Tolomeo Gallio nel 1583 e gestita ininterrottamente dalla sua fondazione dall’Ordine Chierici Regolari di Somasca, saranno infatti chiamati a gestire un villaggio vacanze tramite un management game espressamente realizzato per la formazione in ambito scolastico. La proposta è nata dopo i due giorni di visita al Gallio da parte dei vertici di CNR-ITD, il direttore Mario Allega e il referente scientifico Manuel Gentile. E’ stato un confronto acceso e produttivo quello tra Allegra e Gentile, che si occupano del coordinamento delle attività di convenzione per il CNR-ITD, la professoressa Michela Rusconi, Coordinatrice dei Servizi Educativi e Didattici delle Scuole Secondarie del Gallio e il direttore generale del Collegio, Fabio Monti. L’idea scaturita è stata mettere alla prova gli studenti comaschi con un “management game”, ovvero una simulazione virtuale di come si possa condurre strategicamente un’impresa reale, con l’obiettivo di farla sopravvivere e possibilmente di farla diventare leader di mercato.

Così, anche in considerazione della vocazione turistica del Lago di Como, la scelta è caduta sul progetto uManager, un management game progettato da CNR-ITD per favorire lo sviluppo delle competenze e delle abilità imprenditoriali dei giovani studenti. Il gioco offre ai giovani l’opportunità di cimentarsi nella gestione di un villaggio turistico, stimolando le abilità di decision making e problem solving in un ambiente aderente alla realtà. Il giocatore è impegnato nella costruzione e gestione dell’attività per le vacanze. “Crediamo sia un ottimo mezzo per sviluppare le competenze trasversale degli studenti – spiega Michela Rusconi – Ogni scelta gestionale fatta dai ragazzi avrà ricadute sul villaggio turistico. Dovranno analizzare domanda e offerta, sviluppare competenze nella lettura dei grafici ad istogramma ad esempio, avere dimestichezza con la logica matematica”. Il progetto coinvolgerà gli studenti delle due prime classi dei licei durante le ore di lezione di matematica. Gli studenti verranno poi impegnati anche con tutor. L’idea di sfida potrebbe portare alla partecipazione del Gallio a vere e proprie “Olimpiadi” di uManager. Il progetto verrà avviato il 7 novembre e avrà la durata di un intero quadrimestre. “Si tratta di un importante lavoro metacognitivo di meta-analisi per verificare il raggiungimento delle competenze degli studenti” aggiunge Micaela Rusconi. La versione di uManager per il Gallio sarà customizzata in base alle esigenze anche delle singole classi. Per gli studenti di prima liceo, il progetto rientra a pieno titolo nella trasformazione in corso che ha portato all’introduzione della didattica 100% digitale. Un’applicazione diretta della formazione del curriculum verticale degli studenti. uManager offre infatti ai partecipanti l’opportunità di apprendere sul campo come in un vero posto di lavoro, in quanto il gioco permette di raggiungere il giusto equilibrio tra il realismo di un sistema simulato e l’efficacia di un percorso di apprendimento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
TAG ARTICOLO:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo