RADIO COMOZERO

Ascolta la radio
con un click!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Cronaca

Il figlio lavora in nero, la madre prende la Pensione di cittadinanza: la Gdf blocca tutto

I finanzieri della Compagnia di Como, a conclusione di un controllo effettuato nei confronti di un commerciante residente a Opera (MI), hanno scoperto un lavoratore in nero in quanto mai formalmente assunto, la cui madre però, nel marzo 2019, aveva presentato la domanda di richiesta della “pensione di cittadinanza”, per percepire un sussidio di 776 euro relativo ai mesi di aprile, maggio e giugno.

Nella domanda, però, la donna aveva inserito il figlio tra i componenti del nucleo familiare, circostanza che, vista l’irregolarità del rapporto lavorativo, comporta la decadenza del beneficio.

A seguito dell’intervento della Guardia di Finanza, l’Inps disporrà la decadenza del sussidio che non potrà essere richiesto per i prossimi 18 mesi.

“Le attività ispettive della Guardia di Finanza di Como in materia di spesa pubblica hanno come obiettivo il contrasto ai comportamenti illeciti ed alle frodi perpetrate a danno dei settori previdenziali ed assistenziali – si legge nella nota ufficiale – mirando a garantire l’effettivo sostegno alle fasce più deboli della popolazione ed evitando il dispendio di risorse a beneficio di soggetti non aventi diritto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
TAG ARTICOLO:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo