Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Cronaca

Non potevano licenziarlo: adesso il Comune paga 44mila euro all’ex capo di gabinetto Scibelli

Era il pomeriggio del 22 febbraio 2018 quando ComoZero anticipava quella che di li a poche ore sarebbe diventata una delle notizie più incredibili di questo mandato amministrativo a Palazzo Cernezzi (non che poi siano mancate altre perle).

Parliamo del caso di Filippo Scibelli il capo di gabinetto del sindaco rimasto in carica appena due settimane e poi licenziato in nome di una “giusta causa” che per il tribunale di Como, un anno fa, non era poi tanto giusta.

Doccia gelata sul Comune: sospetto incompatibilità per il Capo di Gabinetto

Dall’allontanamento è nato un lungo braccio di ferro, approdato in tribunale a Como (qui tutte le cronache).

Il primo ottobre del 2019 poi parola fine alla vicenda. Il giudice del lavoro, Barbara Cao, ha definito illegittima la rescissione del contratto.

La ‘giusta causa’ non era tanto giusta: il Comune non poteva licenziare Scibelli. Ora gli spettano 400mila euro

Oggi dunque l’ultimo passaggio, la questione si è conclusa anche sul fronte del risarcimento: il Comune è stato condannato a risarcire l’ex colonnello dei carabinieri con 44mila 103,96 euro (più altri 8.815 per le spese processuali).

Scibelli ne chiedeva 342.603,96 (totale del compenso che avrebbe ricevuto dalla presa in carico a Palazzo per i quattro anni successivi), cifra che non è stata concessa poiché, spiega il giudice nel dispositivo, l’ex capo di gabinetto ha poi trovato un nuovo lavoro.

Il fatto che conta però è che l’amministrazione non aveva alcun diritto di allontanarlo e per questo ora deve sborsare una cifra che, sia pur ridotta rispetto alle richieste, è di tutto rispetto. In assoluto e di questi tempi soprattutto.

TAG ARTICOLO:

6 Commenti

  1. D’altro canto cosa ci può aspettare da una Amministrazione che ha appena riorganizzato i Settori ed ha assegnato il Settore Patrimonio ad un tecnico ingegnere (togliendolo ad una laureata in Giurisprudenza, alla quale è stata data la direzione di un settore “Tecnico” come il Settore Ambiente), ha assegnato Settori come la Segreteria Generale ed il Personale al Comandante della Polizia Locale, ha assegnato Settori specialistici come i Sistemi informativi e tecnologici al Ragioniere Capo (al quale hanno pensato bene di affidare anche un Settore così delicato come l’Anagrafe). È con questa Organizzazione che si intende realizzare il principio del “buon andamento” della Pubblica Amministrazione, sancito dall’Art. 97 della Costituzione?

  2. Quindi 44.000+8.000 di spese legali =52.000!!!!!!!!
    Tanto paga Pantalone, polentone, comascone e soprattutto moooolto… oine.
    Che schifo!
    CHE pena!
    Ma i geniali responsabili di tali follie quando mai pagheranno???

  3. Poi utilizzeranno i Photored ed altri ammennicoli vari per recuperare dai poveri cittadini i solti buttati via, ma i dirigenti che sbagliano non pagano mai?

  4. Non ci capisco niente di politica, ma so che da essa ci si può aspettare tutto, il problema è che in generale tutto viene gestito dagli avvocati, dal governo e per intero dalla giustizia … e cosa ci si può aspettare da un avvocato? … fanno e disfano a loro piacimento, fanno leggi a loro agio … ecc ecc ecc ecc ecc ecc, ecco perché nonostante i governi e i tempi, noi siamo come siamo … non c’è soluzione, solo come cittadini dobbiamo aspettare passivamente che tutto degeneri e anno dopo anno ci sorprenda con nuove atrocità …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: