Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Cultura e Spettacolo

Da Gastel a Litvinenko, grande mostra per i 30 anni del Museo della Seta: “Made in Italy, ricominciamo da qui!”

Nel giorno del suo compleanno, il 4 ottobre, il Museo della Seta presenta al pubblico la collettiva “Made in Italy … ricominciamo da qui!” ideata e curata dalla comasca Maria Cristina Brandini, già curatrice di due mostre al Broletto dedicate a Giovanni Gastel.

Presentata ieri in anteprima alla stampa, la mostra è un viaggio nella moda e nella bellezza viste attraverso lo sguardo di sei fotografi di fama internazionale in una collettiva capace di riunire mostri sacri e talenti emergenti: Giovanni Gastel, Stefano Babic, Alessio Cocchi, Fabrizio Mazzoni, Efrem Raimondi e Andrea Varani a cui si uniranno Daniel Gandolfi, la fotografa ucraina Irina Litvinenko.

“In aprile avrei dovuto organizzare una mostra dedicata a 30 fotografe italiane ma poi il Covid ha cambiato tutti i programmi – spiega la curatrice – così ho pensato a un nuovo progetto più legato al mondo della seta, per festeggiare il compleanno del museo nel modo che merita”.

E così ecco l’idea di una collettiva dedicata al fashion come simbolo di ottimismo e di rinascita: “Dopo un periodo tanto difficile abbiamo bisogno di bellezza e la moda, settore fondamentale per il nostro Paese, è lo strumento ideale – spiega – inoltre sono convinta che mai come adesso l’unione faccia la forza ed è per questo che ho pensato ad una collettiva di grandi fotografi che non hanno mai esposto a Como”.

GALLERY-SFOGLIA

Accanto alle splendide immagini, vere e proprie opere d’arte, saranno esposti abiti provenienti dall’archivio Curiel e kimoni e stole messi a disposizione dalla seteria Clerici-Tessuto allestiti da alcune studentesse del Setificio sotto la guida della docente Flavia Proserpio.

In mostra anche alcuni scatti che ritraggono la ex top model Laura Morino, “un messaggio importante – sottolinea Brandini – una donna, impegnata nella vita e nel lavoro e fiera della sua bellezza anche di fronte al tempo che passa”.

“Aprirsi agli altri è sempre una grande opportunità – sottolinea la presidente del Museo Giovanna Baglio – i Musei non sono più luoghi di statica cultura frontale ma istituzioni in cui la cultura si alimenta anche attraverso le collaborazioni e il confronto: le mostre a loro volta oggi hanno il compito di intrecciare il sapere e di trasmettere emozioni”.

MADE IN ITALY…ricominciamo da qui!

Museo della Seta – via Castelnuovo 9 Como

4 – 30 ottobre 2020

lun-dom 15-19

info: 031. 303180 museosetacomo.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo