Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Politica

L’urlo dei dipendenti: “Pieno, insicuro, a pezzi: occupiamo il parcheggio del Sant’Anna”

Potrebbe sfociare in qualche forma di clamorosa protesta la serie di lamentele dei dipendenti dell’Ospedale Sant’Anna per il posteggio dedicato giudicato da più parti insufficiente, malridotto e non sicuro.

Vecchiaia precoce, asfalto a pezzi, allagamenti. Sant’Anna: un parcheggio (d’oro) dimenticato

A lanciare il grido di battaglia (supportata anche da una folta rappresentanta della Cisl) è stata la consigliera comunale del Pd Patrizia Lissi, che al Sant’Anna lavora e che da tempo denuncia le condizioni dell’area di sosta. Lunedì sera, però, l’esponente dem è andata un passo più in là e ha apertamene lanciato la proposta di un’occupazione simbolica del parcheggio per tentare di smuovere le acque.

“La difficoltà nel trovare un posto, soprattutto in alcuni orari, sta diventando insostenibile – ha affermato Lissi in aula – Ogni giorno rischiamo di arrivare tardi al lavoro. Il Posteggio dei dipendenti è distrutto, dissestato, spesso allagato e soprattutto insicuro per chi finisce ul turno quando è buio: non c’è nemmeno una telecamera”.

Dopo una serie di attacchi all’ormai famoso accordo di programma del 2003 (su cui però ieri l’assessore all’Urbanistica Marco Butti ha aperto a una revisione), Lissi ha lanciato la provocazione.

“Stasera penso soprattutto ai dipendenti dell’ospedale Sant’Anna – ha detto la consigliera -Penso che sia arrivato il momento di agire con più fermezza e determinazione, magari occupando il posteggio. Perché il vostro silenzio – ha concluso riferendosi al centrodestra ma in particolare alla Lega – e la vostra mancanza di volontà è la prova che “prima gli italiani” e “la sicurezza al prima posto” sono solo due tra le tante bugie che sento ogni giorno”.

6 Commenti

  1. Grazie a Patrizia Lissi per il suo intervento quando il parcheggio e’ completo si resta in attesa a lungo sulla strada aspettando che si liberi un posto!!!
    Chiedo se non e’ possibile utilizzare il grande spazio vuoto all’interno del” cerchio magico “ come parcheggio recintando la zona delle pietre ?!
    Ps.penso che anche i nostri antenati approverebbero!

  2. Un po’ di pazienza …. aspettiamo che anche l’autosilo abbia problemi strutturali e allora s.fermo lo regalerà al comune di Como!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: