Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Sanità

Como e Lombardia, oggi al via la terza dose di vaccino anti Covid: le categorie e le prenotazioni

In Lombardia scatta da oggi la campagna vaccinale anti Covid con la somministrazione della terza dose. Saranno inizialmente interessati soltanto soggetti anziani e fragili, si calcola circa 150mila persone. Poi toccherrà agli ospiti delle Rsa, infine gli over 80 e agli operatori sanitari.

Nello specifico, la dose aggiuntiva viene somministrata liberamente a persone che abbiano subito un trapianto, a chi è in attesa di trapianto d’organo, a chi è in terapia a base di cellule T; a pazienti oncologici o oncoematologici in cura con farmaci immunosoppressivi, mielosoppressivi o a meno di sei medi dalla sospensione delle cure; a chi è affetto da immunodeficienze primitive o secondarie e trattamento farmacologico; a chi è in dialisi o soffre di insufficienza renale cronica grave o ha subìto una asportazione della milza e a chi è malato di Aids.

Per quanto riguarda le altre categorie (over 80, residenti nelle Rsa e sanitari) la terza dose va somministrata 6 mesi dopo l’ultima dose.

In Lombardia potranno iniziare con la terza dose tra le 10 e le 12mila persone. Va prenotata fissando l’appuntamento da stasera attraverso il portale regionale, gli sportelli bancomat delle poste o il call center (800.894.545). Tutte le indicazioni sul sito di Regione Lombardia. I dettagli del piano operativo della campagna per la terza dose di vaccino vengono illustrati oggi in Regione in una conferenza stampa dal presidente Attilio Fontana, dalla vice Letizia Moratti e dal consulente Guido Bertolaso.

In regione sono previste circa 4mila somministrazioni al giorno. Oltre al calendario, le novità interessano il metodo e i canali. Ci sarà un sistema di prenotazione e registrazione unico: quello di Poste.

Gli immunocompromessi dovranno prenotarsi sul portale (eccetto quelli in cura in ospedale) e verranno indirizzati in ospedale o negli hub. Come anticipato dal commissario Guido Bertolaso, rimarranno attivi alcuni centri massivi e verranno organizzati altri più piccoli e capillari. Gli ospiti delle Rsa saranno vaccinati in struttura. Gli over 80 potranno prenotarsi su Poste o accedere a farmacie e studi di medici di famiglia. Gli operatori sanitari saranno immunizzati in ospedale o negli hub, previa registrazione.

TAG ARTICOLO:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo