Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Riaperture: ‘assalto’ al primo aperitivo e polizia in piazza Volta. Davide (Krudo): “Noi in regola, il problema è lo spazio pubblico”

EDIT 20.17: al controllo di cui scriviamo sotto ne è seguito subito un secondo (documentato dalla foto di copertina), evidentemente le segnalazioni sono continue. 

Succede un po’ in tutta la città ma in particolare in piazza Volta dove sono appena scattati i controlli.

Primo giorno di aperture e parte l’aperitivo, atteso e bramato dopo mesi di lockdown causa Covid.  Moltissimi i locali pieni già dal tardo pomeriggio.

Accade anche, dicevamo, in piazza Volta dove nel giro di pochi minuti sono arrivate Polizia di Stato e Locale.

Evidentemente sono arrivate segnalazioni d’assembramento.

“Sembrava ci fosse stato un attentato per lo schieramento di auto”, scherza Davide De Ascentis titolare del Krudo.

“E’ giusto che siano corsi a verificare – aggiunge – abbiamo mostrato che siamo in regola tra distanziamento, sanificazione, sicurezza generale, due persone per tavolo”. E infatti non è stata contestata alcuna violazione.

E l’assembramento? “Questo è il punto – precisa – noi e i colleghi degli altri locali non possiamo controllare la piazza fuori dagli spazi assegnati”.

“Se un gruppo prende da bere al supermercato e poi si siede sulle panchine o sul monumento di Volta io non posso davvero intervenire, ed è successo solo pochi minuti fa: un gruppo di ragazzi aveva birre di una marca che io non vendo”.

“Con le forze dell’ordine ci siamo chiariti subito, capisco le loro difficoltà e loro capiscono le nostre. C’è gente che non vede gli amici da mesi ma è chiaro che la sicurezza sta al primo posto tanto che noi abbiamo addirittura chiuso la parte interna del locale, sono aperti solo i servizi igienici”.

E se va così oggi, giorno uno, chissà nei prossimi. “Il tema, ripeto, è la gestione degli spazi non di nostra competenza, serve davvero l’aiuto delle forze dell’ordine”, conclude De Ascentis.

CORONAVIRUS: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI DA COMO, LOMBARDIA E TICINO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: