Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Brunate a 5 Stelle. Il Grand Hotel Milano torna a brillare a metà 2020 con spa, bar e ristoranti

Chiuso nella metà degli anni ‘70 e diventato, meno di un decennio dopo, una delle sedi mistico-spirituali dell’asceta Maharishi Mahesh Yogi (santone che vent’anni prima aveva portato in India i Beatles, Mia Farrow e Donovan) il Grand Hotel Milano dopo un lunghissimo letargo – la società del Maharishi si è trasferita in Umbria nel 2002 – è pronto a rinascere.

Costruito tra il 1910 e il 1911 sulle ceneri del primo albergo di Brunate, lo Chalet Spaini, da un anno e mezzo è animato da un cantiere che lo sta riportando all’antico splendore.

“Contiamo di ultimare i lavori per la metà del 2020“. Spiega l’ingegner Emilio Polillo, titolare della Tresorel Srl, società che porta avanti il progetto.

Le strutture e le facciate esterne sono ultimate e i decori originari (in stile Liberty) sono stati riportati alla luce. Ora tocca agli interni. “La struttura, un cinque stelle, ospiterà 80 camere – spiega Polillo – un centro benessere due ristoranti, un wine-bar e due sale convegni”.

Obiettivo, il turismo di altissimo livello: “Ovviamente e in particolare la clientela estera”. Enorme fortuna per il piccolo paese: “Contiamo – evidenzia l’imprenditore – di portare buon indotto trovando il personale direttamente a Brunate e comunque in ambito provinciale”.

Polillo è ben conscio dei problemi di collegamento con Como, con la Funicolare affollata e rovente, fenomeno tipicamente estivo: “Conosco la questione, è un servizio che deve essere messo in linea con le esigenze dei residenti e dei turisti, impensabile che l’aria condizionata non funzioni bene”.

Soddisfatto il sindaco, Saverio Saffioti: “Si temeva un forte impatto del cantiere su un territorio morfologicamente difficile invece l’intervento è stato ben gestito. Spero, sia per Brunate che per la società di gestione, che l’Hotel possa aprire prima della prossima estate“.

L’articolo che avete appena letto è stato pubblicato su ComoZero settimanale, in distribuzione ogni venerdì e sabato in tutta la città: qui la mappa dei totem.

TAG ARTICOLO:

2 Commenti

  1. L’ascensore , uno Stigler Otis made in USA, sarebbe stato il primo a essere attivato in Italia. Porte scorrevoli con apertura manuale, se aperte tra piano terra e primo piano attraverso modesto pertugio nel muro davano loro soltanto accesso a stanzetta segreta, alta due meri, con finalità mai chiarite per davvero. La regia licenza per roulette Hotel Milan venne ad un certo momento ceduta a Campione d’Italia, dalla storica famiglia Nardi che passò poi a Cadenabbia o a Monza, sempre però settore alberghiero. DOMANDA: Ebbe a che fare con il tentativo di fuga di Mussolini: da Como (fermato da questore Pozzoli) mandato a Brunate “prigioniero” di spicco, scende di nascosto (???..) a Blevio via Pissarotino, attraversa in barca il lago in direzione Strada Regina con destinazione Alto Lago e Svizzera, arrestato però a Dongo? Marco Pedraglio, storico locale vivente, al riguardo per adesso preferisce tacere e basta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo