Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Como, Codice per bar e locali: “Stop rumori dopo le 23, aiuto contro sosta selvaggia, attenzione a voci dei clienti e serrande”

E’ ufficiale il nuovo Codice di autoregolamentazione dei pubblici esercizi per i locali di Como. Il documento è stato approvato dalla giunta e sigilla una collaborazione diretta con Confcommercio.

L’obiettivo è duplice: in primis, far sì che vengano scrupolosamente seguite le normative anti Covid in vigore; e poi tentare di arginare alcuni eccessi registrati anche negli ultimi periodi (almeno pre-lockdown).

Di seguito, pubblichiamo tutte le indicazione del nuovo Codice.

CONTRASTO ALLA DIFFUSIONE DEI CONTAGI DA COVID-19 E CONTRIBUTI ALL’EMERGENZA SANITARIA

• Essere dotati di un Protocollo Sicurezza Covid conforme alle disposizioni in essere e impegnarsi ad applicare quanto in esso contenuto;

• Informare, anche attraverso l’esposizione di cartellonistica appropriata, la propria clientela delle regole e dei provvedimenti in vigore per la lotta alla diffusione del coronavirus;

• Invitare i propri clienti all’uso dei Dispositivi di Protezione Individuale e al mantenimento delle distanze di sicurezza in tutte quelle situazioni previste dalle norme in vigore;

• Evitare che i propri clienti si assembrino sull’area di suolo pubblico in concessione al Pubblico Esercizio;

• Allertare tempestivamente le forze di polizia o la polizia locale in caso di violazione delle norme in materia.

CONTRASTO DELL’ALCOLISMO E DELLE SOSTANZE STUPEFACENTI

• Rifiutare di somministrare bevande alcoliche a minori di anni 18 e a persone in stato di ebbrezza ovvero in condizioni di manifesta alterazione psicofisica. L’esercente si impegna a esporre in modo visibile il cartello relativo, realizzato e fornito da Confcommercio Como.

• Partecipare e sostenere le iniziative di sensibilizzazione contro l’abuso dell’alcol e l’uso delle sostanze stupefacenti organizzate o partecipate dall’Associazione Pubblici Esercizi di Confcommercio Como.

LOTTA AL DEGRADO AMBIENTALE E SOSTEGNO DELLA “VOCAZIONE TURISTICA” DELLA CITTA’

• Il titolare dell’esercizio ha la facoltà di somministrare bevande fino all’orario di chiusura comunicato al Comune, sia all’interno che all’esterno del locale nelle aree autorizzate e attrezzate.
• Il titolare si impegna a evidenziare segnalandolo al Comune fenomeni di imbrattamento di beni e immobili pubblici e privati che rappresentano un problema sia per i cittadini sia per i bilanci comunali.

TUTELA DELLA QUIETE PUBBLICA

Il titolare dell’esercizio si impegna a:

• Sensibilizzare, soprattutto durante i fine settimana (nelle giornate di venerdì e sabato), gli avventori che stazionano all’esterno dell’esercizio, nelle aree autorizzate date in concessione, affinchè mantengano un contegno e un tono di voce idonei a non arrecare danno alla quiete pubblica. In particolare, potrà:

1. Impiegare personale addetto ai servizi di controllo di cui all’art. 3, comma 7 della legge 15 luglio 2009, n. 94, iscritto nell’apposito elenco prefettizio (comunque non obbligatorio).

2. Avvertire prontamente le forze dell’ordine, attraverso i numeri di emergenza, in caso di intemperanze che si risolvano in risse o provochino gravi disagi ai residenti.

3. Collaborare per evitare la cosiddetta “sosta selvaggia” sensibilizzando la clientela.

4. Invitare i clienti, che intendano stazionare all’esterno del locale dopo la chiusura dell’esercizio, a evitare atteggiamenti di disturbo della quiete pubblica e assicurarsi, anche con l’interventi di pulizia straordinaria, che alla chiusura del locale non siano rimasti contenitori, bottiglie o altro nell’area esterna data in concessione.

5. Disincentivare l’uso del vetro da asporto al fine di evitare la possibilità di rottura e di frammenti di vetro in giro, ed evitare durante la pulizia e lo smaltimento la rumorosità che il vetro quando movimentato può creare .

• Rispettare l’occupazione di suolo pubblico utilizzando solamente gli spazi ottenuti in concessione;

• Rispettare l’orario di apertura e chiusura del locale comunicato all’apposito ufficio dell’amministrazione comunale;

• Contenere i valori limiti di immissione di rumore nell’ambiente esterno proveniente dall’interno dell’esercizio e dalle aree esterne date in concessione, dall’insieme di tutte le sorgenti con particolare attenzione:

1. a abbassare la saracinesca dell’esercizio con le dovute cautele;

2. a utilizzare musica dal vivo o DJ garantendo che l’immissione di rumore non superi i limiti previsti dalla legge.

3. ad evitare che i rumori, la televisione e la musica di sottofondo siano motivo di disturbo ai residenti soprattutto dopo le ore 23.00;

4. a partecipare e sostenere le iniziative di sensibilizzazione a favore del rispetto della quiete pubblica organizzate dall’Associazione (Confcommercio, ndr).

2 Commenti

  1. Per quanto riguarda la …citta’ a vocazione turistica…prima di tutto deve essere pulita,non con vari regali di animali con padroni deficenti,illuminata a dovere,buche stradali riparate a regola d’arte,messa a livello stradale di chiusini e tombini vari, che non ci sia pericolo a passeggiare di notte,e far sloggiare o mettere i vari clochard in un posto a loro adibito,poi potete dire di essere una citta’ a vocazione turistica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo