Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Como, scuole chiuse e famiglie disperate. Colombo (Cgil): “No congedi nel Dpcm. Dai metalmeccanici ai chimici, tutti in crisi”

Il ritorno alla Didattica a distanza per gli studenti comaschi, a causa della zona arancione rafforzata per tutta la provincia istituita a partire da oggi, è diventato oggetto di denuncia da parte di moltissime famiglie del territorio.

Tanti, infatti, i genitori che da un giorno all’altro si sono ritrovati a casa i figli ripiombati nell’incubo della formazione attraverso lo schermo del pc – e che vi resteranno finché Como non tornerà in fascia arancione o gialla.

Un disagio denunciato nella giornata di ieri da Cgil (lo abbiamo scritto qui) e che ci conferma lo stesso segretario generale di Como del sindacato, Umberto Colombo.

“La categoria dei metalmeccanici è tra quelle che hanno fatto il maggior numero di telefonate nei giorni scorsi – spiega Colombo – purtroppo quanto avevamo previsto si è confermato. Ho esaminato il nuovo Dpcm con attenzione ma non è previsto nessun congedo parentale. La cosa veramente ci meraviglia e quindi chiediamo con forza che si possa trovate una soluzione. Era una situazione in cui ci siamo trovati già mesi fa, sono state poi introdotte norme retroattive e quindi non si capisce come mai ora non ci abbiano pensato perché era chiaro che sarebbe scoppiato questo problema”.

Un problema, appunto, molto sentito a Como e in provincia. “Ancora oggi abbiamo ricevuto chiamate, nelle sedi Cgil e in Camera del Lavoro – osserva – che si uniscono alle segnalazioni dei colleghi sindacalisti delle categorie di Cgil. Metalmeccanici, chimici, tutto il mondo del lavoro ha chiamato i nostri segretari facendo presente la questione”.

Arancione rafforzato e scuole chiuse, i sindacati dei bancari di Como: “Subito permessi straordinari per accudire i figli”

Cosa faranno, dunque, i sindacati per cercare di portare l’attenzione sul tema e aiutare i genitori in difficoltà?

“I nostri rappresentanti nelle Rsu si stanno confrontando con le direzioni aziendali per cercare di risolvere la questione – spiega – ma è indispensabile che ci sia una risposta da parte del Governo per arrivare a delle norme sui congedi parentali, per tutti i genitori che hanno questo problema. Segnaliamo il problema anche a Regione Lombardia e portiamo la stessa richiesta, perché ci deve essere un concorso tra le normative nazionali e le risorse a livello regionale. La provincia di Como è una delle più colpite, abbiamo questo problema e quindi chiediamo che anche la Regione possa intervenire in qualche modo”.

E aggiunge: “Sono tante le zone lombarde in questa situazione che è solo uno dei problemi attuali. Como durante la prima ondata della pandemia non è stata così colpita e quindi almeno i contagi rimanevano estranei al mondo del lavoro, invece oggi con le varianti e la seconda ondata la percentuale di cittadini contagiati a Como è molto alta rispetto all’anno scorso. Quindi non possiamo più dire che il contagio non riguarda i luoghi di lavoro, dai dati che abbiamo in merito a chi ha contratto il Covid ci sono lavoratori e lavoratrici di ospedali, Rsa, aziende di logistica. Sono settori particolari, ma il problema è diffuso e quindi dobbiamo guardarlo con attenzione”.

“È indispensabile il ruolo dei nostri rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza che insieme ai rappresentanti sindacali unitari investono nei luoghi di lavoro e tutelano la salute dei lavoratori – conclude – stiamo contemperando questa azione con grande attenzione e preoccupazione crescente su possibili risvolti negativi a livello economico, auspichiamo che il Governo proroghi le norme per il “no” ai licenziamenti e che si arrivi presto a una riforma degli ammortizzatori sociali e delle politiche attive del lavoro. E’ una battaglia che devono fare sindacato e istituzioni”.

Avete intenzione di manifestare per portare in piazza le difficoltà delle famiglie? “La denuncia è partita da Como ma non riguarda solo la nostra provincia – afferma Colombo – quindi volevamo prima capire cosa succederà nelle prossime ore, coordinandoci con il sindacato regionale e nazionale. Se c’è una risposta la valuteremo, altrimenti dovremo pensare come andare avanti. L’intento per ora è sensibilizzare su un problema concreto per cui auspichiamo ci sia una risposta, ma non escludiamo di essere conseguenti se non ci saranno risposte”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab