Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Coperte, cartoni, fiamme libere: San Francesco, il presepe dei fuochi mette i brividi

Si scherza col fuoco, sotto il portico. Ma è uno scherzo triste. E ancor più, pericoloso. L’immagine è di ieri sera attorno alle 18: temperatura, tra 3 e i 4 gradi. Freddo intenso, pungente, doloroso dopo un po’ che si sta fermi senza adeguate protezioni.

Può sembrare quasi un presepe la distesa di corpi e coperte sotto San Francesco, mentre tutta la città è immersa nell’atmosfera del Natale (ma guardate la foto qui sotto: era stracolmo, nel primo pomeriggio, il selciato della disperazione).

Quelle torce – una accesa addossata alla parete, la fiamma più grande a sinistra; le altre piccole fiammelle sparse originate da una serie di lumini e candele – a uno sguardo distratto possono persino ingannare con un tocco di romanticismo.

E invece di romantico non c’è nulla. Soltanto due tentativi, molto più vicini alla metafora triste che non al sapore intimo del Natale: fare un pochino di luce nelle tenebre del porticato e probabilmente aggiungere un tocco di calore contro il gelo attorno.

Nulla di eroico, pura resistenza/sopravvivenza di vite al confine tra il perduto e l’irrecuperabile. Ma soprattutto, un pericolo reale, concreto, visibile a occhio nudo: fiamme libere tra coperte, cartoni, abiti.

Erano fuochi, quelli di ieri sera sotto San Francesco. Eppure mettevano i brividi.

2 Commenti

  1. Propongo di mettere delle paratie mobili, a mo’ di separé, in modo da coprire alla città questa triste visione. Ovviamente le “istituzioni” si attiverebbero subito per ripristinare l’ordine e il decoro pubblico eliminando le paratie. Scommettiamo? Esperimento sociale?

  2. Qualche giorno fa un Consigliere comunale della Lega esaltava questa Amministrazione per aver sostituito con parcheggi il Centro migranti di via Regina Teodolinda. A breve i “baluba”, quelli più furbi, proporranno di parcheggiare le auto sotto i portici di San Francesco per risolvere il problema dei senzatetto che accendono i fuochi per scaldarsi…..
    I problemi, anche i più semplici, non possano essere lasciati in mano a gente che cerca di risolverli con slogan e propaganda….questi sono i risultati e sono sotto gli occhi di tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: