Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Coronavirus, il Liceo Giovio conferma: “Positivo uno studente. Classe in isolamento, docenti e altri alunni no”

Dopo un pomeriggio abbastanza surreale tra smentite e dinieghi, il Liceo Scientifico Paolo Giovio conferma in via ufficiale che il caso di Coronavirus di cui ha genericamente informato la nota di Ats Insubria nella serata di ieri riguarda uno studente della scuola di via Paoli.

Covid – Ats: “Studente positivo in un liceo di Como”. Ma nasconde il nome della scuola. 26 compagni in quarantena

A metterlo nero su bianco in una comunicazione è il dirigente Nicola D’Antonio.

“A seguito del comunicato stampa dell’ATS Insubria reso noto in serata, nel quale si fa riferimento ad un caso di positività al COVID per uno studente di un liceo di Como, si comunica ufficialmente che l’episodio riguarda una classe del nostro Liceo – scrive il preside – Da domani (oggi, ndr), quindi, l’intero gruppo classe osserverà il periodo di isolamento fiduciario di 14 giorni, previsto dai protocolli degli organi competenti. L’aula interessata sarà sottoposta a sanificazione approfondita”.

“La misura è stata presa cautelativamente da ATS Insubria “per positività emersa a seguito di inchiesta epidemiologica avviata su un piccolo cluster amicale di ragazzi positivi non frequentanti alcuna comunità scolastica” – aggiunge il dirigente del Giovio – Ogni singolo genitore ha già ricevuto da ATS Insubria, riservatamente, le necessarie indicazioni in materia. I docenti del consiglio di classe sono stati messi al corrente individualmente”.

“Secondo il protocollo applicato da ATS Insubria, né i docenti del consiglio di classe, né gli altri docenti, né tutti gli altri alunni dell’Istituto, che stanno svolgendo attività didattica in presenza, dovranno sottoporsi ad analogo provvedimento. Pertanto l’attività didattica prevista in presenza sarà svolta come previsto – prosegue la comunicazione – Quanto accaduto ci ricorda l’imprevedibilità della diffusione del coronavirus, che tuttavia può essere arginata solo tenendo alta l’attenzione e rispettando rigorosamente le norme di distanziamento e l’uso in ogni locale del Liceo della mascherina chirurgica da parte di tutti”.

“Si rammenta infine alle famiglie l’obbligo di rilevazione della temperatura corporea dei propri figli prima della loro uscita da casa per recarsi a scuola”, conclude la nota.

TAG ARTICOLO:

Un commento

  1. Sarebbe interessante sapere se anche i famigliari conviventi dell’interessato per protocollo viene messa in quarantena e sottoposta a tampone, perchè a volte si danno per scontate cose che non lo sono…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: