Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Coronavirus – Cantù, dopo i contagi in ospedale, la Cgil: “Tampone anche agli ausiliari, non sono lavoratori inferiori”

All’ospedale di Cantù sono risultati positivi al tampone naso-faringeo due infermieri e un medico del Pronto Soccorso e due ortopedici, lo raccontavamo il 17 marzo.

Coronavirus, ospedale di Cantù: positivi due infermieri, due ortopedici e un medico del Pronto Soccorso 

Così oggi la Cgil chiede un immediato intervento:

Dopo la notizia dei casi di positività a Coronavirus all’interno dell’ospedale di Cantù, anche il personale ausiliario socio sanitario, per la salute propria e di tutti, chiede di poter effettuare il tampone. Al momento, la direzione della società in appalto, la Cascina Global Service, non ha risposto alla richiesta della Filcams Cgil di Como di intervenire per garantire a tutti i lavoratori le condizioni di sicurezza.

Trattandosi di lavoratori a stretto contatto con medici e pazienti, è nell’interesse di tutti sapere se qualcuno sia positivo o meno al Covid 19, così da non contribuire, involontariamente, alla propagazione di un virus in una situazione già complicata e difficile per tutti.

“Purtroppo – commenta il segretario della Filcams provinciale Marco Fontana –  anche in questo caso emerge come i lavoratori degli appalti siano considerati lavoratori con diritti inferiori agli altri. Anche di fronte  a un’emergenza sanitaria senza precedenti, nelle aziende resisteno inaccettabili differenze tra lavoratori diretti e lavoratori degli appalti. Non mettere in sicureza tutti i lavoratori operanti nello stesso luogo, non significa solo tutelare loro,  ma serve a preservare l’intera  popolazione  dal possibile contagio . La battaglia della Cgil e della Filcams per dare ai lavoratori degli appalti gli stessi diritti e tutele dei lavoratori diretti,  appare ora più che mai una lotta giusta che deve intensificarsi in particolare sui temi della salute e della sicurezza”.

CORONAVIRUS: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI DA COMO, LOMBARDIA E TICINO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: