Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Covid – Il Cts invoca lockdown duro da subito o zona rossa automatica con 250 contagi per 100mila abitanti

I numeri crescono, i vaccini faticano a arrivare.

Siamo nel pieno della terza ondata covid e il Comitato Tecnico Scientifico (come anticipano sia Repubblica che Corsera) starebbe caldeggiando il giro di vite pesante per evitare un allargamento a macchia d’olio dei contagi.

Gli esperti avrebbero indicato due vie al Governo: o un lockdown duro (per capirci: qualcosa di simile a marzo 2020) da subito oppure la zona rossa automatica nelle zone in cui si superano i 250 contagi per 100mila abitanti. Soglia oltre la quale, dicono gli esperti, la gestione pandemica diventa incontrollabile dal punto di vista sanitario.

CONTAGI A COMO E PROVINCIA: I DATI

Il tetto dei 250 casi è già previsto nell’ultimo Dpcm, il primo a firma Draghi, ma lascia ai presidenti di regione la decisione sulla zona rossa.

Insomma l’idea è rallentare il contagio drasticamente approfittando della chiusura delle scuole. Ovviamente riportiamo una posizione tecnica, sarà nel caso poi la politica a decidere.

Ieri l’indice medio Rt italiano si attestava, in salita, a 1.6.

TAG ARTICOLO:

2 Commenti

  1. E che dire di quei locali che dovrebbero essere chiusi o che dovrebbero fare solo asporto ed invece, niente, gente che gioca a carte nei deohr delle pizzerie, che fa l’aperitivo nascosta dentro al bar, in barba a tutte le regole, dpcm, etc etc ? A Como i controlli non li fanno. Le multe non le fanno. Neanche quando li chiami. Punto. Ed i bambini in Dad. E gli ospedali in difficoltà. Mah

  2. Siamo in zona arancio scura, ed in centro a Como oggi pomeriggio vi era un sacco di gente proveniente da fuori comune, c’erano i militari, i carabinieri i vigili, ma se nessuno controlla e sanziona allora è inutile imporre regole che quasi tutti disattendono…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab