RADIO COMOZERO

Ascolta la radio
con un click!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Attualità

Funicolare di Lanzo, clamoroso annuncio del Comitato: “L’imprenditore Jai Singh e Regione finanziano il recupero”

Clamoroso annuncio, questa mattina, da parte del Comitato per il salvataggio e il recupero della storica funicolare di Lanzo-Santa Margherita, inaugurata nel 1907 e chiusa definitivamente nel 1977. Si sarebbero infatti aperti spiragli notevoli per la rinascita dell’impianto, come emerso durante l’evento di ieri “L’isola tra i laghi”.

“A seguito di un incontro avvenuto il 7 ottobre scorso a Milano con il Presidente del Consiglio regionale Alessandro Fermi, Regione Lombardia si è impegnata a sottoscrivere un accordo di programma per finanziare i lavori di ripristino della funicolare – annuncia il Comitato – A fronte dell’intervento di investitori privati rappresentati nell’incontro dal signor Jai Singh che ringraziamo, Regione Lombardia darà in concessione l’impianto per un tempo congruo (20 o 30 anni) e finanzierà le opere con un investimento a fondo perduto dal 30 al 50% dell’importo totale dei lavori”.

“Il resto sarà reperito dal signor Singh – spiega ancora il Comitato, che come noto ha recentemente acquistato al Belvedere sia il Bar Moderno che l’ex albergo Funicolare Tesoro, attraverso investitori istituzionali pubblici e privati nazionali e internazionali”.

“Pochi giorni fa la Regione ha deciso di affidare la gestione di tutti gli impianti funicolari e funiviari pubblici presenti e futuri sul proprio territorio ad un gestore unico individuato tramite bando e avente caratteristiche di competenza tecnica e di solidità finanziaria tali da garantire la continuità del servizio – conclude il Comitato – Le manutenzioni programmate degli impianti (ogni 5 e 20 anni come da regolamenti Ustif) resteranno a carico della UO Trasporto Pubblico Locale della DG Infrastrutture. Sono due fatti di straordinaria rilevanza che avvicinano concretamente il momento in cui si potra’ finalmente mettere mano ai lavori di ripristino della nostra funicolare che come illustrato ampiamente nell’incontro di ieri a Lanzo rappresenta un volano straordinario per il rilancio turistico della valle e del bacino nord del Ceresio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
TAG ARTICOLO:

7 Commenti

    1. è la stessa domanda che mi sono fatto io. al palalanzo è stato presentato come un urbanista che ha uno studio di consulenza urbanistica a londra , ma in rete non ho trovato nulla
      sta di fatto che ha comperato sia l’albergo che il bar moderno al belvedere , entrambi erano all’asta , e ha detto di voler riportare i giovani in val d’intelvi

  1. I costi di gestione chi li paga, non è possibile per un tale impianto coprire i costo di gestione e manutenzione con i soli ricavi da tariffa.
    Siamo alla vigilia delle elezioni regionali e le promesse per gli allocchi abbondano

  2. Da un punto di vista turistico,sarebbe un ottima cosa…se non erro,anche il sindaco di Lugano si dichiarò interessato a investire,se supportato da un progetto serio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo