Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità, Sanità, Solidarietà e Sociale

Il piccolo Stefano attende il trapianto di cuore, serve aiuto per farlo vivere bene. Sara: “Raccolta fondi in memoria del mio bimbo scomparso”. Ecco come

Il dolore immenso per la perdita di un figlio che si trasforma in un gesto d’amore e racconta di un’amicizia che va oltre la morte. È questo il dono che una mamma comasca, Sara Gerosa, ha deciso di fare al piccolo Stefano, un bambino di sei anni di Brescia affetto da una complessa cardiopatia che necessita urgentemente di cure riabilitative che il Sistema Sanitario Nazionale tarda a fornire ed è per lui che ha aperto una raccolta fondi sulla piattaforma GoFundMe con l’obiettivo di raccogliere 15mila euro necessari a dargli al più presto una vita serena in attesa di un trapianto di cuore.

E il legame tra Sara e Stefano è proprio il figlio di lei, scomparso troppo presto a causa di una grave malattia e che, durante i lunghi ricoveri in ospedale, ospedale era diventato amico di questo ragazzino coraggioso capace di affrontare dieci interventi, di cui tre a cuore aperto, e uno, l’ultimo, che l’ha costretto in Terapia Intensiva cinque mesi subendo anche una tracheotomia.

Proprio la forza di questa amicizia e il desiderio di regalare a un amico la vita che sognava per il suo bambino, ha spinto Sara ad avviare questa raccolta fondi: “Ho deciso di aprire questa raccolta – scrive – perché Stefano dovrebbe seguire un percorso riabilitativo che purtroppo con i tempi del Servizio Sanitario Nazionale non è ancora stato intrapreso. La sua famiglia vorrebbe rivolgersi a una struttura ma lavora solo il papà, mentre la mamma deve necessariamente seguire lui quotidianamente in ogni sua attività”.

“Stefano – si legge – avrebbe necessità anche di un montascale, di ausili per gli spostamenti con tragitti più lunghi, dovrebbe tornare nella struttura che lo ha seguito per dei controlli – conclude Sara – chiediamo il vostro aiuto per cercare di farlo vivere al meglio prima di arrivare al trapianto di cuore”.

Chi volesse contribuire può farlo qui

TAG ARTICOLO:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo