Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Como, il programma delle messe di Natale con il vescovo. “Chiederemo la fine della pandemia”

“Anche in questo tempo segnato dal Coronavirus celebreremo il mistero della nascita del Figlio di Dio, dinanzi a Lui ci inginocchieremo e chiederemo la fine della pandemia, il conforto per tutti gli ammalati, il riposo eterno per i fratelli e le sorelle che a motivo del virus hanno concluso la loro vita e pregheremo per il dono di Dio che si incarna”. La riflessione è di don Simone Piani, maestro delle celebrazioni e responsabile dell’Ufficio liturgico diocesano.

“Il Natale – aggiunge – può essere l’occasione, per tanti cristiani, di rendere testimonianza della loro fede. Per tanti altri, famiglie, ragazzi, giovani, il Natale di quest’anno può essere l’occasione di ritornare, in sicurezza, a celebrare l’Eucarestia con la comunità e l’occasione per riaccostarsi al sacramento della Riconciliazione”.

Per quanto riguarda le funzioni del periodo di Natale, le parrocchie della Diocesi si sono organizzate: ci sono volontari ad accogliere i fedeli e a dare indicazioni, i posti in chiesa sono stati predisposti con il necessario distanziamento, in chiesa accede solo chi è munito di mascherina, all’ingresso sono a disposizione i gel igienizzanti, i volontari assicurano la pulizia di sedie e banchi fra una celebrazione e l’altra e anche i cori hanno ricevuto chiare e stringenti indicazioni, per cui possono animare le nostre celebrazioni in piena sicurezza (tali indicazioni sono state elaborate anticipando le norme nazionali, diventando un punto di riferimento a livello di regione ecclesiastica lombarda).

“La Messa nella Notte di Natale – riprende don Piani – ha un alto valore simbolico, dal chiaro valore antropologico, ed è diventata una tradizione costante. Quest’anno l’anticipazione dell’orario rappresenta una compartecipazione piena alla difesa e alla tutela della salute di tutti. Ricordiamo che la tradizione liturgica romana ci ha trasmesso quattro formulari per la celebrazione dell’Eucaristia nella solennità del Natale: vigilia, notte, aurora e giorno”.

LE CELEBRAZIONI DEL NATALE IN CATTEDRALE CON IL VESCOVO 

24 Dicembre ore 20.00: Santa Messa Pontificale nella notte .La celebrazione sarà aperta dal canto della Kalenda, l’annuncio del Natale, che si legge dal Martirologio e che si presenta come una splendida ricapitolazione dell’attesa universale del giorno ormai giunto, del compimento dell’Avvento del Signore.

25 Dicembre ore 10.00: Santa Messa Pontificale con Benedizione Papale

TAG ARTICOLO:

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab