Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Nidi, appello Cenetiempo: “90 bimbi fuori. Mancano maestre, Negretti intervenga”

“Mi appello al buon cuore dell’assessore Negretti”, comincia così (con una punta ironica, pare di cogliere) l’appello che il consigliere di Forza Italia, Enrico Cenetiempo lancia al responsabile del Personale di Palazzo Cernezzi.

Tema i nidi.

“Ci sono 90 bambini in lista d’attesa – denuncia il consigliere – perché mancano 9 insegnanti. A Como non abbiamo certo un problema di strutture la questione è il personale. Credo che per tamponare l’emergenza sia sufficiente assumere quattro maestre attingendo dalle graduatorie. I nidi erano il fiore all’occhiello della città, un tempo il miglior servizio della regione, devono tornare a esserlo”.

9 Commenti

  1. esatto, i pensionamenti erano prevedibili…ma forse così come per i contratti di manutenzione in scadenza non c’è stata una particolare preoccupazione da parte degli uffici preposti.
    l’esperienza personale avuta negli anni passati con il nido comunale è stata ottima (certo magari il comune potrebbe investire nella sostituzione di giochi ed arredi un po’ usurati..), però l’inizio di quest’anno ha certamente evidenziato delle difficoltà proprio per la carenza di personale e qualche problema legato al sevizio mensa, che per ora non si è dimostrato molto puntale, anzi.

  2. Ottimo suggerimento Fausto tagliabue !!!! é quello che si legge tra le righe di questa amministrazione….privatizzzare.
    Sarebbe proprio una gran sconfitta per i nostri nidi che sono sempre stati il fiore all’ occhiello di questa città

  3. Per risolvere la questione basterebbe affidare due strutture alla gestione dei privati e concentrare le maestre comunali nelle altre 7 strutture.

  4. Io credo che una lista d’ attesa così non ci sia mai stata, i pensionamenti erano tutti prevedibili, ma io vorrei sapere che scelta vuole fare questa amministrazione. Ex educatrice asilo nido in pensione che ha visto crescere non solo il numero di strutture ma l’ alto livello professionale – educativo ; sia dal punto di vista personale lavorativo che da fruitrice del servizio per i miei 3 figli .

  5. prima forse c’erano più maestre? negli ultimi mesi sono andate in pensione parecchie maestre, ma non sono state sostituite. io la differenza con l’anno scorso l’ho notata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: