Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Piazza Mazzini: “Ma quale movida, è un salottino”. Zona stadio pedonale e bosco in piazza Cavour. I 65 anni di A.Gi.Emme. Esce ComoZero Settimanale

Non sarà la pioggia a fermarci. E’ venerdì e ComoZero Settimanale è in distribuzione dalle prime ore della giornata.

Ci trovate, come sempre, negli oltre 100 totem tra Como e il lago.

Questa settimana apriamo la ferma risposta degli esercenti di piazza Mazzini dopo le accuse di un residente che lamentava di essere ostaggio della movida. Un coro unanime quello di baristi e ristoratori.

Proseguiamo con il dibattito cittadino sul restyling di piazza Cavour. La parola all’architetto Sergio Beretta.

E ora passiamo al tema dei temi per i comaschi: la zona stadio libera dalle auto. Spunta il progetto rimasto nel cassetto di Attilio Terragni, che fu commissionato direttamente dal sindaco Landriscina.

Continuiamo con un anniversario: A.Gi.Emme compire 65 anni.

Pagina di lago: la meravigliosa storia di Agatino che, dopo aver sconfitto un tumore, rilancia il negozietto di paese a Pellio in Valle Intelvi.

Passiamo alla Cultura: in arrivo dal 13 al 22 maggio il “Festival della Luce Lake Como”.

Ma gli eventi non finiscono qui, infatti il comasco ospiterà anche Ecolario (6-8 maggio), con eventi dedicati all’ambiente.

E ora il 150 esimo anniversario di Fondazione Cittadina Alessandro Volta di Como, che verrà celebrato con un concerto sabato 7 maggio presso il teatro Sociale.

Chiudono gli appuntamenti e la vostra adorata enigmistica.

COMOZERO SETTIMANALE E DOVE TROVARLO: LA MAPPA DEI TOTEM

TAG ARTICOLO:

4 Commenti

  1. Vanno capiti! la fotografia di una piazza deserta, spiega e giustifica il reddito medio degli imprenditori di ristoranti e alberghi che, 100 mila contribuenti su 120 mila, è sui 13 mila euro lordi annui; al di sotto del reddito dichiarato da un operaio.
    Per forza: senza clienti…….

  2. In piazza MAzzini ci sono troppe cose e tutte diverse, senza nemmeno una linea guida. servirebbe un progetto per distribuire gli spazi ai vari gestori. così è tutto molto caotico e disorganizzato. magari guardando le singole attività le cose possono anche essere di gusto, ma è l’insieme che non funziona

  3. Per fingere che sia un salottino, hanno giustamente messo una foto in cui i bar sono chiusi e l’arredamento imbarazzante è stato rimosso.

    Direi situazione molto lontana dalla realtà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo