Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Piccoli i lettori, grande l’idea di Dominioni: una guida turistica di Como per giovanissimi. Green e avventurosa

UNA GUIDA SU COMO PER PICCOLI LETTORI: DOMINIONI EDITORE PUBBLICA I GREENTOSI

La prima guida per bambini per conoscere la città di Como e i suoi paesaggi è disponibile dal 20 settembre. Più di centocinquanta pagine colorate, ricche di informazioni, storie, illustrazioni, curiosità, fotografie e mappe riassuntive. Un progetto molto ambizioso che vuole dare la possibilità ai più piccoli (l’età di lettura è dieci anni) di rapportarsi con la vastità del retroterra comasco, entrando nel dettaglio di ogni argomento trattato. Prima di entrare nel merito della guida sarebbe tuttavia corretto spiegare il contesto editoriale in cui è stata progettata.

Da Lonely Planet alle Guidine: il nuovo trend che spopola

Colorate. Divertenti. A misura di bambino. Tante, oggi, le case editrici impegnate a realizzare guide turistiche per i bambini che amano viaggiare. Ci sono le ricchissime Lonely Planets Kids, capaci di coinvolgere tutta la famiglia nella scoperta di grandi città come Londra, New York e Parigi. Ci sono le Guidine di Edizioni EL in cui si possono trovare spunti interessanti e racconti divertenti sui personaggi che hanno abitato storicamente un dato luogo. Ci sono anche le Italy for Kids, mappe che nascondono tesori, quelli che noi grandi a volte diamo per scontati. Insomma, il format della guida turistica per bambini sta attirando sempre di più i bambini e, di conseguenza, gli editori, piccoli o grandi che siano, trovano continuamente formule diverse e accattivanti per rendere il turismo, una bellissima avventura adatta ai piccoli viaggiatori. Ciò che si può notare è che l’offerta si concentra solo sulle bellezze delle grandi città, soprattutto estere, facendo eccezione delle importantissime Roma, Milano o Venezia. Nonostante sia una delle città più frequentate da turisti da tutto il mondo, oggi, una guida per bambini su Como, non c’è.

L’idea dei Greentosi

Como è una piccola città se la si confronta con le grandi metropoli del mondo. Proprio per questo, si presta bene a un turismo più attento alla cultura locale, più curioso verso le bellezze nascoste, più etico. In poche parole più Green. Oltre a essere la prima guida per bambini su Como, I Greentosi è anche l’unica a trasmettere ai piccoli viaggiatori l’importanza del turismo sostenibile. Ovvero: come viaggiare in modo responsabile, proteggere l’ambiente e sostenere il benessere del luogo. La guida non sarà una semplice raccolta di itinerari. A raccontare le bellezze di Como ci saranno Tito, Bea e il piccione Achille. I tre personaggi fanno parte di un club molto particolare: i Greentosi.

Un po’ come dei moderni Goonies, i Greentosi sono un gruppo di esploratori. Ma per fare parte del club non basta amare l’avventura. Occorre rispettare un codice. I Greentosi ci insegnano l’importanza di guardare in su, in basso, le cose piccole, le cose enormi, custodire i biglietti di ingresso delle mostre, parlare la lingua del posto.

Il codice dei Greentosi, quindi, è soprattutto spirituale. L’idea di fondo è che tutto è connesso: viviamo in un ambiente dove ogni gesto ha degli effetti più vasti di quello che pensiamo, come quando buttiamo un sasso nello stagno, per questo dobbiamo conoscere come funziona il pianeta e quali sono le sue risorse vitali, risorse che nel nostro piccolo possiamo contribuire a salvaguardare nella vita di ogni giorno e quando viaggiamo. Attraverso gli incontri, le parole e le scoperte dei tre personaggi, esploreremo le bellezze di Como, muovendoci verso sette itinerari. La scelta di raccontare il turismo green attraverso una serie di personaggi che parlano, che si confrontano, che scoprono i luoghi, emozionandosi, rendono la guida meno descrittiva, più divertente e narrativa. Insomma, l’espediente dei personaggi permette ai lettori di appassionarsi agli itinerari come ci si appassiona a una storia.

Un occhio più da vicino

Ecco una sintesi dettagliata degli itinerari:

La via della seta

Museo della seta, Borgovico, Villa Olmo, Km Conoscenza, Villa Sucota, Villa Bernasconi. S’inizia e si chiude nel vivo della tradizione e narrazione dell’industria serica, in mezzo a tappe riconducibili alla seta.

La via dell’acqua

Piazza Cavour, i battelli, l’Orrido di Nesso, Water Ski a Blevio, gli inquilini del lago (vi presentiamo i pesci), le società storiche di Como: la canottieri, la Como Nuoto… si chiude con la fontana di Villa Geno e si guarda il tramonto da lì.

Sul balcone delle alpi

I passaggi segreti che portano su, a Brunate, un giro per il quartiere dietro via Monti, le tre salite, il cannone che spara a mezzogiorno al Carescione, l’eremo di San Donato, Brunate e la vista mozzafiato, le ville (con i loro “scheletri” negli armadi), il faro di Volta, gli uccelli, la dorsale, e si chiude con la Funicolare per tornare giù.

Ritorno al passato

Il Medioevo a Como con tutti i suoi eccessi: dalle mura, una passeggiata e Torre del Baradello, piazza San Fedele e il mercato di un tempo, i nomi medievali delle vie di Como che ci raccontano come si viveva e ancora più indietro, la Como romana.

Faccia a faccia con le facciate

Il romanico della basilica di Sant’Abbondio, il gotico del Duomo, il rinascimento del Broletto, Palazzo Natta, il neoclassicismo del Teatro Sociale, il liberty del palazzo di Piazza Volta, il razionalismo di Palazzo Terragni.

Giravolta tour

Volta di qui, Volta di là, ma chi è questo Alessandro Volta? Si parte dal Museo Volta, con i suoi incredibili strumenti scientifici, e i suoi animali imbalsamati nascosti, la statua e la piazza, il Tempio.

A prova di maltempo

Se piove un salto da un museo all’altro è quello che ci vuole: museo Giovio, museo Garibaldi, la Pinacoteca, le gallerie d’arte, i bookshops.

Alla fine di ogni capitolo ci saranno dei box con curiosità green sull’itinerario appena percorso. Approfondimenti sull’importanza dell’acqua dolce e del suo funzionamento sul pianeta terra. Gli alberi, alleati vitali per la qualità dell’aria. Il baco da seta e gli insetti che lavorano per l’uomo. La pulizia, il trattamento dei rifiuti. . . e tanto altro ancora.

L’autrice

Chi meglio di Olivia Corio, scrittrice comasca, poteva raccontare Como attraverso gli occhi e le parole di personaggi colorati e divertenti? Olivia Corio è autrice di bestseller, editi il Castoro, rinomata casa editrice di libri per ragazzi. La trilogia che comprende le avventure di Nazar Malik, l’ultimo personaggio inventato dalla sua penna, è stata tradotta in tutto il mondo.

Conclusione

Spiegano da Dominioni: “Abbiamo pensato a I Greentosi . . . alla scoperta di Como come alla prima puntata di un progetto seriale. La formula “Greentosi” è stata creata apposta per essere replicabile. Il nostro obiettivo è dare vita a una serie di guide green che hanno la missione di far scoprire ai bambini il turismo locale del nostro territorio. Dai piccoli centri storici, alle mete culturali, fino agli imperdibili spazi naturali. E chissà se, in futuro, non ritroveremo i nostri personaggi alla scoperta di Lecco, del Ticino, di Bergamo, del Lago Maggiore o di qualche altro gioiello delle nostre zone?”.

I Greentosi alla scoperta di Como

Scheda tecnica

Testi Olivia Coria

Illustrazioni e grafica: Denise Pelleriti

ISBN/EAN: 9788898911660

Anno: 2022

Formato: 15x21cm

Nr. pagine: 160

Rilegatura: brossura

Prezzo: 18,00 euro

TAG ARTICOLO:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo