Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

“Prima e dopo la cura”. Camerlata, blitz notturno: scompare il sole padano, spunta il simbolo della pace

Al momento nessuno rivendica, chi ci ha girato le immagini si è definito un “postino”.

“Mi hanno chiesto di mandarvele ma non ne so nulla”, spiega il portalettere virtuale che chiede anonimato. Insomma, di sicuro c’è solo che gli esecutori vogliono massimizzare il risultato con eco mediatica.

Il blitz nella notte sul pendio di roccia scosceso che sovrasta Camerlata. Là dove da almeno trent’anni (andiamo a memoria) campeggiava, oggi sbiadito, il Sole delle Alpi (storicamente eletto dalla Lega pre-salviniana a emblema padano indipendentista) è comparso il simbolo della pace esattamente sovrapposto al vecchio murale.

La scritta che invocava l’autonomia del Nord è stata interamente coperta dalla bandiera arcobaleno.

“Prima e dopo la cura” recita l’immagine che ci è stata girata. Il blitz evidentemente non cade a caso visto che ci troviamo nel pieno delle celebrazioni del Mese della Pace.

SOLE DELLE ALPI, FIORE DELLA VITA: SIMBOLO MILLENARIO CON DECINE DI NOMI

TAG ARTICOLO:

9 Commenti

  1. Non c’è nessuna ragione per deturpare la natura…ma il simbolo “padano”, dopo le riforme statutarie del “capitano”, è anacronistico perfino per gli amici “baluba”.
    Se proprio ci deve essere un simbolo, meglio quello della “pace”, sicuramente più cosmopolita come ci si augura diventi la città.

    1. Buongiorno, volevamo informarla che questo sarà l’ultimo dei suoi commenti (peraltro spessissimo ben argomentati e assolutamente civili) che modereremo con la parola “baluba” all’interno.
      Cordiali saluti

  2. Io penso che le nostre preferenze politiche o i desideri di pace dovremmo cercarli dentro di noi senza il bisogno di leggerli o di scriverli sulle rocce delle nostre bellissime montagne, imbrattandole e rendendole inguardabili.

  3. Vandalismo su, antico, vandalismo. Avrebbero fatto meglio a cancellare la precedente scritta e stop.
    Magari qualcuno ha visto e va dai Carabinieri di Rebbio, non bastano muri e sottopassi imbrattati

    1. Dopo hanno capito che la croce ha fatto più danni della grandine e fortunatamente e opportunamente si è optato per il simbolo della pace… Eheheh

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab