RADIO COMOZERO

Ascolta la radio
con un click!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Attualità

Como, niente sagra storica a Sant’Abbondio. Ma dal 29 agosto piatti tipici nei ristoranti: ecco dove

Niente sagra storica organizzata sotto i campanili della Basilica di Sant’Abbondio quest’anno (si terranno soltanto la fiera zootecnica e il mercato sotto le mura il 4 settembre) ma da lunedì scatta a Como la prima edizione della rassegna gastronomica legata ai festeggiamenti per il patrono della città. Dal 29 agosto e fino all’11 settembre 2022 nei ristoranti che aderiscono all’iniziativa promossa dal Comune di Como sarà possibile gustare i menù tipici del territorio lariano.

“La rassegna – spiegano dal Comune  – ha l’obiettivo di dare impulso alla conoscenza del patrimonio culinario lariano, valorizzare le produzioni alimentari di eccellenza del territorio e promuovere il turismo gastronomico, per accrescere il flusso di visitatori già attratti dal patrimonio ambientale e culturale della città. Per scoprire i nomi dei ristoranti, i piatti proposti e tutti i dettagli dell’iniziativa, qui li trovate tutti.

La rassegna si svolge in continuità con la tradizione della “Fabbrica dei Sapori comaschi” che si teneva nel contesto monumentale della Basilica di S. Abbondio e che quest’anno non ci sarà.

In contemporanea alla rassegna si svolgerà un concorso fotografico dedicato alle pietanze gustate nei ristoranti che aderiscono all’iniziativa. Per partecipare, gli avventori potranno inviare una fotografia del piatto preferito (in bianco e nero e a colori, in alta risoluzione, con inquadrature sia verticali che orizzontali), in modo che sia possibile riconoscere il locale in cui è stata scattata (nelle immagini non dovranno comparire persone). Le foto vanno inviate all’indirizzo email: ufficioturismo@comune.como.it Le fotografie vincitrici del concorso andranno a comporre una pubblicazione in distribuzione gratuita con il calendario storico cittadino 2023.

Il Comune di Como, settore Commercio, ha inoltre indetto un concorso per individuare il “Canone gastronomico lariano”: per partecipare i ristoratori hanno inserito nei menù proposte di propria creazione o rivisitazioni di piatti della tradizione lariana a partire dall’utilizzo di un prodotto a scelta tra pesce di lago, farine (mais, grano saraceno, castagne, ecc.), verdura e erbe selvatiche di zona (timo serpillo, ortica, tarassaco, silene, germogli di luppolo, fiori di robinia). Tra settembre e ottobre 2022 una giuria di esperti decreterà il piatto che più identifica Como. Per ulteriori info: www.comune.como.it Albo pretorio/avvisi

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
TAG ARTICOLO:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo