Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Sant’Agostino, finalmente barche in acqua. Acquistapace (Csu) a Rapinese: “La sponsorizzazione? Legittima”

Alla fine, dopo un autentico calvario, il gran giorno è arrivato: da domani 22 dicembre gli assegnatari dei posti al molo di Sant’Agostino potranno rimettere finalmente le barche in acqua.

Lo comunica Csu, alla fine della tormentata vicenda dei lavori per l’ammodermanto del porto.

 

“Abbiamo già inviato le mail a tutti gli assegnatari – conferma il presidente di Como Servizi Urbani, Renato Acquistapace – Il lago è un po’ basso ma da domani finalmente le barche potranno tornare a essere ormeggiate a Sant’Agostino”.

“Ci scusiamo ancora per i ritardi sulla tabella di marcia e per i disagi conseguenti – aggiunge Acquistapace – ma ora possiamo dire che il porto è cambiamento in meglio ed è sicuramente più fruibile di prima”.

Proprio in queste ore, però, Csu è al centro di un’interrogazione presentata dal consigliere di opposizione e candidato sindaco Alessandro Rapinese. In sintesi, Rapinese chiede conto della sponsorizzazione della società contollata al 100% dall’amministrazione comunale alla tappa comasca del campionato italiano di motonautica endurance, manifestazione organizzata dallo Yacht Club (la cifra è di 5mila euro; il Comune di Como stesso, peraltro, ha sponsorizzato con altri 6.500 euro la manifestazione con una delibera di giunta e poi con una determina dirigenziale).

Inoltre, Rapinese nell’interrogazione chiede se qualcuno del cda di Como Servizi Urbani sia socio dello Yacht Club per valutare eventuali conflitti di interesse.

“Per quel che mi riguarda non c’è alcun problema di legittimità né di opportunità – replica Acquistapace, che è socio dello Yacht Club – Abbiamo sponsorizzato la manifestazione sportiva, non abbiamo dato soldi alla società per rifare i bagni o altro. D’altronde, alcune manifestazioni non riuscirebbero nemmeno a essere realizzate senza il contributo del pubblico. Siamo assolutamente tranquilli e impegnati a lavorare”.

Ad ogni modo, la risposta scritta formale dell’amministrazione sarà data dalla giunta al consigliere nei prossimi giorni.

2 Commenti

  1. Ma vogliamo parlare di quei 150 metri di paletti installati a ridosso della pista ciclabile? Orribili! Non si possono fare queste schifezze in una zona di pregio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo