Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Smog, Landriscina firma l’ordinanza: 19 gradi in case e negozi, no sosta a motore acceso, no camini e stufe a legna

E’ stata adottata l’ordinanza sindacale per il miglioramento della qualità dell’aria, in base all’adesione al protocollo di Regione Lombardia, che prevede alcune misure permanenti e alcune misure temporanee al superamento dei limiti stabiliti della concentrazione di inquinanti rilevati dalle centraline di Arpa Lombardia.

Da oggi vengono attivate le misure temporanee di primo livello per il superamento del limite giornaliero di PM10 di 50 microgrammi su metro cubo per quattro giorni consecutivi, rilevato dalle centraline Arpa a livello provinciale. Queste misure vengono attivate sulla base delle rilevazioni nelle giornate di lunedì e giovedì (giornate di controllo) ed entrano in vigore il giorno successivo a quello di controllo (martedì e venerdì); restano in vigore fino al rientro dei valori entro i limiti previsti, determinato con il controllo quotidiano che tiene conto delle previsioni meteorologiche per i giorni successivi.

Allarme Pm10. Como, occhio: da domani stop diesel fino a Euro 4 (anche con filtro) dalle 8.30 alle 18.30

Si ricorda che le misure temporanee relative alla circolazione veicolare fino agli euro 4 diesel sono sospese con la DGR n. 3823 del 9 novembre 2020, fino a che la Lombardia si troverà in zona rossa o in zona arancione in relazione all’emergenza sanitaria.

Nello specifico:

-­ Divieto di utilizzo di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo) con prestazioni energetiche ed emissive che non sono in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe 4 stelle in base alla classificazione ambientale introdotta dal DM 186/2017

– Divieto per qualsiasi tipologia di combustioni all’aperto (residui vegetali, falò, barbecue e fuochi d’artificio)
­
– Introduzione del limite a 19°C (con tolleranza di 2°C) per le temperature medie nelle abitazioni e spazi ed esercizi commerciali;

– Divieto per tutti i veicoli di sostare con il motore acceso;
­
– Divieto di spandimento degli effluenti di allevamento, delle acque reflue, dei digestati, dei fertilizzanti e dei fanghi di depurazione in tutto il territorio provinciale; sono sempre consentite invece le seguenti modalità di distribuzione delle sostanze indicate: iniezione e interramento immediato, cioè contestuale alla distribuzione, anche con l’utilizzo in sequenza di più attrezzature contemporaneamente;

Le misure temporanee si aggiungono alle misure strutturali permanenti già in vigore per la limitazione del traffico veicolare:

AUTOVEICOLI EURO 0-1 BENZINA ED EURO 0 – 1 – 2 – 3 DIESEL:
Le limitazioni della circolazione e dell’utilizzo dei veicoli si applicano:
dal lunedì al venerdì, esclusi i giorni festivi infrasettimanali, dalle ore 7,30 alle ore 19,30, dal 1° gennaio al 31 dicembre di ogni anno.

MOTOVEICOLI E CICLOMOTORI A DUE TEMPI:
Le limitazioni della circolazione e dell’utilizzo di tali veicoli si applicano:
­ per i motoveicoli e ciclomotori a due tempi di classe Euro 0:
in tutte le giornate della settimana (dal lunedì alla domenica) a tutte le ore del giorno (24 ore su 24) permanentemente tutto l’anno (dal 1° gennaio al 31 dicembre di ogni anno)
– per i motoveicoli e ciclomotori a due tempi di classe Euro 1:
nelle giornate dal lunedì al venerdì, escluse quelle festive infrasettimanali, dalle ore 7,30 alle ore 19,30, dal 1° ottobre al 31 marzo di ogni anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo