Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Svizzera, frontiere aperte (a giugno) con Francia, Germania e Austria. Non con l’Italia

La Svizzera riaprirà le frontiere con Austria, Francia e Svizzera il prossimo 15 giugno con contestuale ripristino delle norme Schengen e l’eliminazione dei forti controlli attuali. Ma questo non avverrà con l’Italia – frontalieri esclusi, che già possono andare oltreconfine – per cui sono previsti tempi più lunghi e non ancora definiti almeno sui versanti del transito, del turismo e degli acquisti.

A dettare il nuovo calendario è stata oggi da Berna la consigliera federale Karin Keller-Sutter, capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia.

La Val d’Intelvi, 20 sindaci e la Comunità Montana scrivono a Conte: “Faccia riaprire la Valmara”

E’ stato specificato che le aperture dei valichi con i tre altri Paesi nascono da procedure concordate mentre con l’Italia il discorso è definito prematuro, anche perché lo stesso governo italiano a oggi vieta gli spostamenti all’estero.

“La situazione lì è diversa rispetto a quelle di Austria, Francia e Germania. Negoziamo, ma in Italia ci sono ancora limitazioni anche per spostarsi internamente. Non è possibile ora dire quando si potranno aprire i confini con l’Italia. Non c’è una data”.

CORONAVIRUS: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI DA COMO, LOMBARDIA E TICINO

TAG ARTICOLO:

4 Commenti

  1. Sono Italiana sposata con un tedesco, dobbiamo andare a Colonia per il funerale del fratello di mio marito, pensiamo di viaggiare il 15 giugno e di attraversare la Svizzera senza fermarci per raggiungere la Germania. E’ possibile farlo? Servono documenti?

  2. Sono tedesca vivo in Toscana e vorrei andare in Germania a trovare miei genitori anziani e miei fratelli ,spero che apre la dogana Svizzera e Austria per poter raggiungere Germania

  3. Buongiorno, , faccio parte della categoria Val Mara,
    Il mio lavoro è a ore io ho due turni mattino e sera, oltre al viaggio c’è anche la spesa benzina .
    X favore riaprire la VAL MARA.
    Grazie mille

  4. Mi sembra che il ragionamento non faccia una piega. In Italia non si sa ancora chi e dove ci si possa muovere, ogni regione e comune fa da sè, ci inventiamo sotterfugi per aggirare le regole e pretendiamo che i paesi nostri confinanti ci diano certezze?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo