Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Vintage e macchiato caldo: in via Gallio, il matrimonio tra design, caffè e aperitivi

Amanti del vintage, a Como è nato un posto perfetto per voi. Potreste perfino chiamarla casa, almeno per il tempo di un caffè. Si chiama Deposito 80 e ha aperto lo scorso ottobre in via Gallio, a pochi passi dal Politeama.  Mamme di questo luogo incantato che potrebbe tranquillamente “rivivere” in un vicolo parigino o in Brera a Milano, sono appunto le milanesi (adottate da Como) Emanuela Pitozzi e Katia Lo Sasso.

Deposito 80 è un negozio di oggettistica, arredamento e abbigliamento vintage con pezzi unici che Katia acquista prevalentemente in Francia. “Ogni 15 giorni circa la mia socia parte con il furgone per un intero weekend per girare tra i mercatini francesi alla ricerca di pezzi originali dai proporre ai nostri clienti” spiega Emanuela.

Pezzi in vendita nel negozio di via Gallio che vanno ad arredare quello che è anche una caffetteria/bistrot dove fare colazione o l’aperitivo. La cosa più bella? Se vi ha colpito la tazzina dove avete bevuto il caffè, la potete acquistare. Così come la sedia dove vi siete accomodati o il lampadario che illumina il locale.

“Qualche tempo fa è entrata una coppia per un aperitivo – ricorda Emanuela – Sono entrati nel nostro locale per bere e mangiare qualcosa e sono usciti con un tavolo nuovo. Li aveva colpiti così tanto quello dove si erano accomodati che lo hanno voluto nella loro casa”.

Non mancano muovendosi per il negozio molti oggetti e arredi con l’etichetta “venduto”. Emanuela spiega: “Capita che qualcuno entri per un caffè e acquisti un mobile ma non abbia possibilità di portarlo via subito. Così lo teniamo qui ‘in deposito’ fino al ritiro”.

Trascorrendo poco più di un’ora chiacchierando con le proprietarie (che propongono anche pezzi di loro produzione come bigiotteria e composizioni floreali) è affascinante notare lo stupore di chi entra al Deposito 80 per la prima volta.

“Avevamo molti dubbi quando abbiamo aperto a Como, pensavamo che nessuno avrebbe sposato la nostra filosofia e invece in città tutte uguali, con le stesse catene di negozi, forse è la nostra unicità ad aver colpito i comaschi facendo la differenza”.

L’articolo che avete appena letto è stato pubblicato su ComoZero settimanale, in distribuzione ogni venerdì e sabato in tutta la città: qui la mappa dei totem.

TAG ARTICOLO:

2 Commenti

  1. 3 anni fa mi dissero che un negozio di spezie con specialty coffee non poteva essere pubblicato, perché non era una cosa “nuova”. Adesso, il robivecchi “bistrot” gode di pura pubblicità. Complimenti Comozero, ottimo lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: