Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Zoffili (Lega) attacco alla Svizzera e appello a Conte: “Il governo richiami i frontalieri”

Ieri 40 sindaci, oltre ad altri esponenti istituzionali della politica comasca avevano scritto una dura lettera al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, per chiedere maggiore tutela nei confronti dei frontalieri, anche alla luce delle incertezze svizzere.

Fermi, Bongiasca, Guerra, Molteni e 40 sindaci scrivono a Conte: “Frontalieri esasperati dalla Svizzera, serve aiuto”

Oggi il deputato leghista Eugenio Zoffili, che è anche presidente del Comitato Bicamerale Schenghen Europol e Immigrazione, prova addirittura a ribaltare il tavolo. E chiede che il governo italiano richiami i frontalieri per proteggerli con l’impegno dell’esecutivo nazionale affinché “intervenga a copertura”.

“Alla luce della nostra drammatica esperienza, dobbiamo purtoppo evidenziare come le misure assunte ieri dalla Svizzera siano del tutto inadeguate per fronteggiare una pandemia globale – attacca Zoffili – La decisione di mantenere aperte,  benché con alcune limitazioni, la gran parte delle attività commerciali, bar, ristoranti, discoteche, luoghi di aggregazione, non solo rappresenta un ingiustificabile azzardo alla luce dei rischi enormi di ampliare il contagio sul territorio europeo, ma mette gravemente a rischio la sicurezza e la salute dei migliaia di frontalieri italiani che costituiscono la gran parte della forza lavoro impiegata nei territori di confine”.

Frontiere, nuovi limiti: da oggi solo i frontalieri possono andare in Svizzera

“Per questa ragione è urgente che il Governo italiano intervenga al più presto per fare in modo che i nostri concittadini possano restare a casa in sicurezza, senza esporsi ad un rischio contagio che aggraverebbe peraltro la pressione sul nostro sistema sanitario,  e predisponendo tutte le misure economiche che l’emergenza impone”, aggiunge Zoffili che torna a chiedere anche “la sospensione cautelare dell’accordo di Schengen e la chiusura di tutti gli stabilimenti non indispensabili sul nostro territorio”.

CORONAVIRUS: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI DA COMO, LOMBARDIA E TICINO

TAG ARTICOLO:

Un commento

  1. Buongiorno io sono frontaliera sto ancora andando al lavoro con l’ansia non solo per questa situazione,ma anche perché in Svizzera alla dogana mi chiedono il permesso senza mascherina e senza guanti,e sto sempre avendo più paura di prendermi qualcosa visto anche l aumentare di casi inSvizzera e vedendo che ancora oggi le misure prese sono a rallenti e mi sembrano fatte a metà , chiedo al nostro governo di intervenire e bloccare le frontiere Italiane visto che non lo fa la Svizzera io non posso fare telelavoro son nel privato ,non ci lascia a casa, son arrivata al punto di aver paura di andare al lavoro e sto seriamente pensando di licenziarmi non ho alternative grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo