Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Fermi, Bongiasca, Guerra, Molteni e 40 sindaci scrivono a Conte: “Frontalieri esasperati dalla Svizzera, serve aiuto”

Quaranta sindaci comaschi scrivono al presidente del Consiglio Giuseppe Conte per chiedere nuove azioni condivise a tutela dei frontalieri.

Frontiere, nuovi limiti: da oggi solo i frontalieri possono andare in Svizzera

Si tratta di 70mila lavoratori, che dalle province di confine, soprattutto Como e Varese, si recano ogni giorno in Svizzera, contribuendo in maniera determinante all’economia del Canton Ticino.

Coronavirus, denuncia shock dal Ticino: “Frontalieri in dormitori improvvisati, condizioni disumane”

I Sindaci chiedono al Governatore Attilio Fontana di farsi portavoce, verso il Governo, della loro richiesta e di quella dei loro concittadini, esasperati dal comportamento della Svizzera nei loro confronti, tra frontiere chiuse con la scusa di controlli sanitari che in realtà non vengono effettuati e provvedimenti troppo blandi rispetto al rapido dilagare dell’epidemia sul territorio elvetico.

All’appello si uniscono anche il Parlamentare della Lega Nicola Molteni, già Sottosegretario all’Interno con Salvini Ministro, e il Consigliere regionale della Lega Gigliola Spelzini, membro della Commissione Sanità di Regione Lombardia e rappresentante dell’area del Lago, e il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia Alessandro Fermi. All’appello si unisce anche il Presidente della Provincia di Como Fiorenzo Bongiasca (foto sotto) e i Presidenti delle due Comunità montane lariane.

“Il Governo deve considerare e tener pienamente conto della condizione dei 70mila lavoratori frontalieri delle provincie di Varese, Como, Sondrio e Verbano Cusio Ossola – dichiara il deputato comasco della Lega Nicola Molteni – sia relativamente alla tutela della loro salute sui posti di lavoro oltre confine sia prevedendo, nel prossimo decreto che deve far fronte alle ripercussioni economiche causate dal coronavirus, le necessarie risorse per poter dare assistenza dal punto di vista previdenziale ed economico ai nostri lavoratori che dovessero perdere il posto di lavoro oltre confine per causa dell’infezione o a causa delle inevitabili ripercussioni economiche di tutta la filiera transfrontaliera dei territori di confine. Di queste cose ne abbiamo parlato, io e il Senatore Stefano Candiani, nelle scorse ore con il Sottosegretario Ivan Scalfarotto“.

“Tutelare la salute dei nostri frontalieri, che ogni giorno si recano per esigenze lavorative in Svizzera, è di fondamentale importanza. Non posso che condividere e supportare le richieste dei nostri sindaci, che chiedono di mettere al primo posto la salute dei cittadini, bene primario da difendere e tutelare. Regione Lombardia lo sta facendo con le misure adottate. Assicuriamo che il governatore Fontana si è attivato fin da subito in questa direzione”, aggiungono Giglola Spelzini e Alessandro Fermi.

Mauro Guerra, Presidente di Anci Lombardia, aggiunge: “Già in occasione dei primi provvedimenti avevo posto all’attenzione del Governo la necessità di considerare la peculiare condizione dei nostri lavoratori frontalieri, aprendo un rapporto con le autorità svizzere”.

“È ora indispensabile – chiude Guerra – che, tra i due Stati, vengano condivise iniziative coordinate per fronteggiare l’emergenza e tutelare la salute e i diritti dei frontalieri e delle loro famiglie”.

CORONAVIRUS: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI DA COMO, LOMBARDIA E TICINO

TAG ARTICOLO:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo