Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Cultura e Spettacolo

Coronavirus – Bambini, anziani, persone sole. Meravigliosa Miriana con le sue fiabe al telefono: “Chiamatemi, io leggo”

C’è chi si offre di fare la spesa per i vicini anziani o passare in farmacia, chi di occuparsi dei bambini a casa da scuola: in tanti in questi giorni hanno trasformato l’emergenza Coronavirus in un’occasione per ricordarsi che le difficoltà, se affrontate insieme, si superano più facilmente.

Ma oggi, con le nuove disposizioni che invitano caldamente a uscire di casa solo se strettamente necessario ecco porsi, ancor più che nei giorni scorsi, un altro problema: la solitudine e, inevitabilmente, anche un po’ di paura.

E cosa c’è di meglio di una voce amica che legge un racconto o una poesia per scacciarle?

Da questa semplice (ma per nulla scontata) idea Miriana Ronchetti, anima infaticabile di Orizzonti Inclinati, ha dato vita a Poetry Theatre Time, poesie e racconti al telefono “per ingannare questo tempo strano, che fa paura”.

“In questi giorni siamo tutti abbastanza angosciati, nonostante cerchiamo di sdrammatizzare – racconta – è come se fossimo piombati dalla sera alla mattina in un incubo, con un sacco di tempo per pensare e anche per stare da soli. Così mi è tornato in mente quello che facevo con mia figlia, quando da piccola è stata costretta per molto tempo a casa a causa di problemi di salute: avevamo ingannato il tempo leggendo e inventando storie. Perché allora non riproporlo anche oggi?”

Fiabe, commedie per bambini, poesie, racconti: la dolcissima idea delle Favole al Telefono di Gianni Rodari in versione emergenza Coronavirus per riempire di bellezza, fantasia e sorrisi qualche minuto di queste giornate che, per alcuni, rischiano di essere interminabili.

“Ho pensato soprattutto ai bambini e agli anziani soli – prosegue Miriana – e a quanto è importante riuscire a distrarsi anche solo per un attimo dalle brutte notizie che ci circondano”. Parole che, però, sono anche capaci di portare il calore di un abbraccio che, spesso, in questi giorni manca: “Proprio oggi mi ha chiamata una signora novantenne per farsi leggere qualcosa – racconta – era a casa da sola, preoccupata di come riuscire a fare la spesa e con tanta voglia di chiacchierare con qualcuno. Mi ha tenuta al telefono un’ora parlando un po’ di tutto e, alla fine, le ho letto due poesie di Trilussa nel mio romano maccheronico e l’ho fatta ridere un po’”

E a rendere ancora più delicata e splendida questa idea c’è un ultimo, piccolo dettaglio: è gratuita.

“Non mi permetterei mai di lucrare su questo momento così difficile – spiega Miriana – voglio che sia una cosa spontanea. Se poi qualcuno volesse può fare una piccola donazione all’associazione ma non chiediamo nulla”.

Chi volesse approfittare di questa bellissima iniziativa può chiamare Miriana Ronchetti al numero 329 3817686 o scrivere a teatroartedidattica@gmail.com o teatroarte@iol.it.

Altre informazioni su teatroarte.it e copionimiriana.it

CORONAVIRUS TUTTI GLI AGGIORNAMENTI DA COMO, LOMBARDIA E TICINO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: