Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Politica

Discriminazione sul bus. De Santis (FdI): “Gli autisti spietati razzisti? Non ci sto”

Dell’episodio abbiamo parlato ampiamente in questi giorni, riprendendo la denuncia pubblica di Paola Minussi.

Una 15enne aspetta il bus alla fermata del Teatro Sociale di Como. Il mezzo arriva, non sosta dove previsto ma solo una ventina di metri più avanti e dopo una evidente sollecitazione della giovane. L’autista dopo aver aperto le porte, visibilmente infastidito, chiede alla ragazza, dalla pelle scura, se sia Italiana e pretende di vedere la sua carta d’identità.

L’autista del bus alla giovane: “Sei italiana? Voglio i documenti”. La madre: “Razzismo vergognoso” 

Denuncia di razzismo su un bus, Asf: “Indagine interna. Noi contro ogni discriminazione” 

Dopo il deputato cinquestelle Giovanni Currò, unico politico che negli ultimi giorni ha preso parola sulla vicenda, si leva la prima voce da Palazzo Cernezzi. E’ Sergio de Santis, Fratelli d’Italia a intervenire. E lo fa, pur evidenziando di non aver dubbi sull’episodio, difendendo con molta chiarezza gli autisti.

Sulla vicenda specifica non mi esprimo, perché se la signora dice quanto scritto, non ho motivo di dubitare (ma aspetterei la risposta di Asf e soprattutto dell’autista).

Ciò che non mi piace è quel passaggio in cui si afferma non essere l’unico caso cui ha assistito:”Secondo quanto raccontato da Minussi (peraltro presidente di Woman in White Society di Como), episodi a carattere razzista non sarebbero una novità a bordo dei mezzi pubblici di Como: Non è il primo episodio. Ne ho visti diversi altri….”

Se così fosse, doveva intervenire pubblicamente anche negli altri casi, e comunque questa immagine degli autisti dei pulmann di Como, spietati razzisti, io non la condivido per nulla. Viaggio molto con gli autobus cittadini, e il più delle volte sono gli stessi autisti ad avere una grande pazienza nei confronti di gruppi di giovani a dir poco “sopra le righe”, senza contare che, come categoria riferita al personale degli autobus e dei treni, sono in generale tra i più bersagliati da aggressioni di viaggiatori, quasi sempre immigrati senza biglietto.

4 Commenti

  1. De Santis ha preso la parola per non dire nulla. Per lo meno, nulla sul caso specifico (per sua stessa ammissione).
    E allora apre la bocca per far prendere aria ai denti?
    No. Apre bocca per fare polverone.
    Mpfffff.

  2. Che siano stressati è fuori di dubbio,che riversino il loro stress contro persone che nulla c’entrano (al di la delle accuse razziste presunte) è comunque inaccettabile

  3. Se De Santis crede alla signora, condanni l’episodio e stop.
    Sul fatto di generalizzare autisti = razzisti attribuito alla madre della ragazza eviterei, è controproducente.
    Ricordo il pestaggio in piazza Vittoria di due autisti di autobus che chiedevano il biglietto a dei passeggeri

  4. Da quello che si è capito, la ragazza aveva un regolare certificato di viaggio, l’Abbonamento, l’autista ha chiesto il documento di identità per verificare se le generalità della ragazza corrispondevano a quelle dell’Abbonamento. Se l’autista si è comportato in modo educato e professionale, personalmente non ci trovo nulla di particolare. Anzi, ha fatto il suo dovere.
    L’intervento del Consigliere De Santis invece parla di una cosa diversa. Afferma che gli autisti “….sono in generale tra i più bersagliati da aggressioni di viaggiatori quasi sempre immigrati senza biglietto”.
    La ragazza, 15anni, aveva l’abbonamento. È cittadina italiana perché è figlia di italiani (non c’è differenza tra figlio naturale e figlio adottato nel nostro Paese), quindi non è immigrata. Il nostro autista non ha denunciato nessuna aggressione. Quindi…..il Consigliere De Santis sta parlando di un altro episodio o semplicemente presume che l’atteggiamento dell’autista fosse pervenuto da “…..quasi sempre immigrati senza biglietto”. Generalizzare è molto pericoloso….sempre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: