Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Politica

Il Pd: “A Brescia 359 milioni per il tram, Como 81esima in Italia per ciclabili. Buttati 5 anni”

Le ciclabili – soprattutto quelle che non ci sono – tornano ad animare la polemica politica a Como.
E’ il Pd che oggi punta dritto sulla giunta di Palazzo Cernezzi alla luce del poco onorevole piazzamento della città nell’ultimo studio ambientalista.

“Como è 81esima per estensione della propria rete ciclabile, nella classifica delle 105 città italiane stilata dal 28esimo rapporto Ecosistema urbano di Legambiente e Ambiente Italia – premette il segretario cittadino Tommaso Legnani – A livello nazionale, siamo tra Teramo e Matera e tra gli ultimi in Lombardia”.

Sul piano politico, l’accusa all’amministrazione è netta: “E negli ultimi cinque anni siamo rimasti fermi, con una ciclopedonale che è stata affossata dalla giunta Landriscina. Giunta che per contro ama aprire cantieri sulle vie più trafficate della città”.

“La mobilità ciclabile non è solo cicloturismo ma qualità dell’aria e della vita. Parliamo di persone che vanno al lavoro, bambini e ragazzi che vanno a scuola, persone che possono usare la bicicletta e il monopattino elettrico tutti i giorni invece che mettersi in auto – conclude il segretario cittadino Pd – Ma hanno bisogno di farlo in sicurezza. Aprire dei percorsi ciclopedonali sarebbe il minimo per un città come Como che soffre traffico e inquinamento. Ma a Palazzo Cernezzi che chi dice no. No anche ai soldi del Pnrr per finanziare una migliore mobilità sostenibile”.

“Mentre Brescia porta a casa 359 milioni di euro del Ministero dei Trasporti per una nuova linea tramviaria, Como che fa? Soffoca nel traffico”, conclude Legnani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo