Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Politica

Inferriata anti-senzatetto a San Francesco. Ira Magatti: “La Lega in imbarazzo così rimuove il problema. Inaccettabile”

“L’indecente, inaccettabile e tristissimo spettacolo offerto da “dormitorio-fai-da-te” dei senza dimora abbandonati a se stessi sotto il portico di S. Francesco è un indice puntato contro la maggioranza che governa la città di Como”.

E’ durissimo l’intervento del consigliere comunale e leader di Civitas, Bruno Magatti, in vista dell’imminente voto, in Consiglio comunale, sulla mozione della Lega che chiede di installare un’inferriata tra le colonne dell’ex chiesa di San Francesco per impedire ai senzatetto di trovarvi riparo.

Settembre si è aperto con una certezza, la questione è ben lungi dall’essere risolta e, va ricordato, quest’anno il servizio Emergenza Freddo della Caritas non si terrà più in via sirtori (parte del Cardinal Ferrari è stata venduta) e al momento non vi sono comunicazioni circa una nuova sede.

Pende inoltre la questione del dormitorio mai realizzato, ne abbiamo parlato ieri sera:

Dormi(torio) Como, un anno e un mese dopo. E’ il primo settembre 2020: esattamente, quanto vale un voto in questa città?

Il duro atto di accusa magattiano prosegue: “Questa maggioranza, infatti, non ha saputo costruire alcuna risposta. Ma sarebbe meglio dire che non lo ha voluto, per cinico calcolo elettorale. Oggi tutti vengono a sapere che la Lega, per fuggire a un imbarazzo divenuto insostenibile anche per loro, propone (ancora) la “rimozione” del problema con la costruzione di una “bella(!!)” cancellata. Ebbene, la nostra, la mia città, con la sua storia nobile di donne e uomini capaci di impresa, di cultura e di accoglienza non può accettare che questa sia la risposta a situazioni che sono evidentemente conseguenza di vulnerabilità personali o sociali e che aspettano soluzioni vere e concrete di inclusione e reinserimento nel tessuto di cittadinanza”.

Conclude l’ex assessore: “Dobbiamo essere consapevoli che i problemi che oggi pretendono urgente soluzione sono due: 1) dare risposta efficace, seria e rispettosa della dignità delle persone all’indecoroso abbandono documentato sotto il portico di S. Francesco
2) affidare la città a chi è davvero degno di rappresentarne storia, cultura e valori”.

La Lega e il cancello anti-senzatetto a San Francesco. Butti: “Non si scopa la polvere sotto il tappeto, italiani e stranieri regolari vanno aiutati”

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo