Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Politica

Ipotesi Traglio candidato sindaco, l’ira di Articolo Uno sul blitz renziano. E al Pd: “Basta ambiguità e tentennamenti”

Durissimo di Articolo Uno a Italia Viva dopo il clamoroso incontro al Birrificio, sabato scorso, tra il leader ed ex premier Matteo Renzi, il segretario provinciale Alberto Gaffuri e il consigliere comunale di Svolta Civica nonché ex candidato sindaco del 2017, Maurizio Traglio.

Como, il pranzo Renzi-Gaffuri per Traglio candidato sindaco bis. E lui: “Sì, mi piacerebbe. Ecco perché”

Articolo Uno esprime la totale disapprovazione per quanto avvenuto lo scorso weekend, soprattuto perché il 20 ottobre, a Prestino assieme al raggruppamento Como Comune aveva invitato le forze e formazioni politiche di centrosinistra locali “per sollecitare l’avvio di un percorso unitario per definire contenuti programmatici e modalità di scelta del candidato sindaco in vista delle prossime elezioni che decideranno l’anno prossimo il futuro amministrativo della nostra città”.

“Como Comune”: quattro partiti della sinistra cittadina si uniscono verso le elezioni 2022. Nel segno di Emilio Russo

Un appuntamento avvenuto, secondo Articolo Uno, in un “clima di sostanziale condivisione” ma – ecco l’affondo contro i renziani – “inopinatamente sconfessato da Italia Viva che ha ipotizzato sui media locali una ridefinizione e un allargamento del perimetro della coalizione a forze ed esponenti del centrodestra (l’ala moderata di Forza Italia, ndr), lanciando nel contempo la candidatura a sindaco di Maurizio Traglio, candidato già uscito sconfitto nella precedente consultazione elettorale del 2017”.

Una mossa, quella dei renziani, basata – sempre secondo Articolo Uno – su “argomenti e ipotesi totalmente sottaciuti nel corso della riunione” del 20 ottobre.

“I dirigenti provinciali del PD, con le loro prime reazioni, hanno ribadito la necessità di decidere insieme “a tutti gli attori che si sono seduti intorno al tavolo” e di arrivare uniti alle elezioni – prosegue la nota di Articolo Uno – Espressioni che accogliamo con favore pur ritenendole ancora troppo vaghe e interlocutorie perché fin qui non seguite da fatti concreti e significativi e perché non accennano a uno dei nodi controversi che più volte abbiamo posto sul tavolo senza che mai sia stato discusso e tanto meno sciolto: il rapporto col Movimento 5 Stelle”.

“Al Pd di Como – chiude la nota – chiediamo di assumere con forza e in tempi brevi il ruolo che gli compete di perno e motore della coalizione, senza ulteriori tentennamenti e ambiguità, in linea peraltro con l’azione che il suo segretario Enrico Letta sta efficacemente conducendo a livello nazionale”.

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo