Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Politica

Telecamere con riconoscimento facciale, Fanetti porta il caso in commissione Sicurezza: “Ora accesso a tutti i documenti”

Il caso delle telecamere a riconoscimento facciale di Como, finito al centro dell’inchiesta di Wired (firmata dal giornalista comasco Philip Di Salvo con con i colleghi Laura Carrer e Riccardo Coluccini) è diventato politico e viaggia su un doppio piano. Ieri l’annuncio della deputata dem Chiara Braga che insieme con collega Filippo Sensi  un’interrogazione al Governo “per verificarne gli aspetti di competenza”.

Como, telecamere con riconoscimento facciale: caso in Parlamento dopo lo scoop di Philip Di Salvo su Wired 

Oggi un altro dem, il capogruppo in Consiglio comunale, Stefano Fanetti, fa sapere che la questione sarà al centro dei lavori della commissione Sicurezza.

Spiega:

Il presidente della Commissione speciale per la sicurezza urbana, Vittorio Nessi, d’accordo con gli altri membri, ha accolto la mia proposta di discutere dell’importante tema delle telecamere a riconoscimento facciale installate a Como, nella prossima seduta prevista per il 22 giugno.

Nel frattempo farò una richiesta di accesso agli atti per avere tutta la documentazione necessaria a chiarire le implicazioni di questo tipo di tecnologia per la nostra città, come messo in luce dalla recente inchiesta di Wired Italia.

Alla seduta di commissione saranno presenti il comandante della Polizia Locale Donatello Ghezzo e l’ingegner Giovanni Fazio, dirigente comunale per l’innovazione tecnologica.

Ovviamente, se avete delle domande che volete vengano poste all’attenzione della commissione non dimenticate di scrivermi qui sotto, nei commenti, o in posta.

 

3 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo