Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Solidarietà e Sociale

Fondazione Comasca e Acsm Agam, il bene in comune: 429mila euro contro le nuove povertà

Grazie al coinvolgimento della Fondazione Provinciale della Comunità Comasca, l’accordo quadro siglato da Fondazione Cariplo e da ACSM AGAM arriva anche sul territorio comasco. E non solo simbolicamente, bensì con 429mila euro a disposizione per contrastare le nuove povertà:

Un’intesa, quella siglata di recente da Cariplo e dalla multiutility lombarda, dal valore di due milioni di euro (un milione a testa) e dalla durata triennale (2021 – 2023) che tocca diverse aree della Regione: oltre a Como, coinvolti i territori di Monza e Brianza, Lecco, Sondrio e Varese. Si tratta di un impegno concreto a beneficio delle comunità locali e dei territori in difficoltà a causa degli effetti della pandemia e delle conseguenti misure adottate per ridurre il contagio: si inserisce nell’ambito dei Fondi di contrasto alla povertà, che Fondazione Cariplo sta promuovendo insieme alle Fondazioni di Comunità.

I Fondi sono attivati dalle singole Fondazioni di Comunità con l’obiettivo di supportare e di valorizzare in modo mirato le organizzazioni attive sui territori e impegnate a contrastare i diversi tipi di povertà – innanzitutto educativa, digitale e alimentare – emersi negli ultimi mesi con forza sempre maggiore.

Anche grazie all’accordo sopra citato, il Fondo Povertà di Fondazione Comasca può contare ora complessivamente su 429mila euro: il contributo di ACSM AGAM di 215mila euro integra le risorse, pari a 192mila euro, messe a disposizione dalla Fondazione Cariplo oltre che alle 22mila euro pervenute dai donatori comaschi e dalle BCC di Cantù ed Alzate.

L’intesa, che integra quindi le risorse e gli strumenti già messi in campo, si propone come volano di una mobilitazione che coinvolga, in modo diffuso e capillare, i cittadini, le aziende e le istituzioni che potranno liberamente aderire al progetto e contribuire alla campagna.

Alla conferenza stampa di questa mattina hanno partecipato Martino Verga e Monica Taborelli, rispettivamente presidente e segretario generale di Fondazione Comasca, Paolo Busnelli, Marco Rezzonico, rispettivamente presidente e vice presidente di Acsm Agam, Giovanni Perrone amministratore delegato di Acel, Enrico Lironi del consiglio di amministrazione di Fondazione Cariplo e Mario Landriscina sindaco di Como.

“L’unione di due nomi così risonanti come Acsm Agam e Fondazione Cariplo non poteva che essere portatore di valore. Siamo certi che grazie al loro sostegno il Fondo Povertà potrà rispondere a molte delle richieste di aiuto che riceveremo dalle associazioni del territorio comasco impegnate nel contrasto della povertà in tutte le sue forme, comprese le nuove povertà derivanti dalla crisi generata dall’emergenza sanitaria. Il loro apporto al Fondo Povertà sarà di sicuro un incoraggiamento per tutti i donatori che vorranno contribuire a dare sollievo a chi si trova per la prima volta in grave difficoltà o a chi lo era già ed ha visto la sua situazione aggravarsi ulteriormente” ha detto il presidente di Fondazione Comasca Martino Verga.

“Il nostro Gruppo è fondato sul radicamento territoriale, l’aggregazione fra le utilities è un progetto industriale, in cui Como fin dall’inizio ha creduto, che ha ampliato sia l’ambito geografico di riferimento sia la massa critica delle attività, generando valore e rafforzando la capacità competitiva nei diversi settori del mercato dell’energia – hanno rimarcato Busnelli e Rezzonico -. Una realtà più forte che non ha disperso ma anzi valorizzato l’identità territoriale. Le politiche imprenditoriali di Acsm Agam coniugano sviluppo e responsabilità sociale. Lo sviluppo in tutto il comprensorio comasco è legato sia alle attività tradizionali sia a quelle legate all’innovazione e alla sostenibilità”.

Si tratta di iniziative che di fatto praticano il valore della responsabilità sociale di impresa: che pone il gruppo Acsm Agam al fianco di tanti settori (partnership), recitando un ruolo protagonista anche rispetto alla ripartenza del tessuto sociale ed economico messo a dura prova dalla pandemia e dalle restrizioni. Un ruolo protagonista di cui è interprete la Bu vendita del Gruppo.

“Dividendi, indotto, partnership, liberalità e non solo. Acel Energie – ha detto l’amministratore delegato di Acel Energie, Giovanni Perrone, storicamente presente con il marchio Enerxenia nell’ambito di Como – ha varato un vero e proprio piano al fine di affiancare le comunità locali e supportare la ripartenza ad ogni livello: dal concorso di valorizzazione turistica alla community che fa dialogare negozi e clienti: promozioni e vetrina per gli esercizi commerciali, sconti e agevolazioni per le famiglie. L’ultima iniziativa il ciclo del prof Castelnuovo dedicato al disagio giovanile, catalizzato dalla complessità e dalle limitazioni legate all’emergenza Covid”.

“Il periodo drammatico che stiamo vivendo causato dalla pandemia Covid 19 ha aperto nelle nostre comunità una grande crisi economica, culturale e sociale. Fondazione Cariplo sta promuovendo insieme alle fondazioni di comunità i Fondi di contrasto alla povertà con l’obiettivo di raccogliere risorse e destinarle ai bisogni più urgenti. L’accordo con ACSM AGAM ha esattamente questa finalità: raccogliere risorse e farle convergere su progetti a sostegno dei soggetti più fragili e sulle necessità che il nostro territorio ha individuato” ha sottolineato Enrico Lironi, del consiglio di amministrazione di Fondazione Cariplo.

“Il Comitato di gestione del Fondo Povertà sta già definendo le priorità di intervento e siamo pronti a ricevere altre richieste da parte delle organizzazioni non profit attive sul nostro territorio. Abbiamo attivato la pagina di crowdfunding del Fondo e vorremmo approfittare per ringraziare chi, con la propria donazione, ci ha già permesso di raccogliere oltre 20mila euro da destinare al progetto Dona la Spesa Smart del Banco di Solidarietà di Como” ha dichiarato Monica Taborelli, segretario generale di Fondazione Comasca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab