Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Mantovani: “Senzatetto al freddo perché le strutture sono piene”. Il sindaco: “Non è vero”

“Non vogliono venirci loro”. Il sindaco Mario Landriscina ieri sera ha fatto il punto sulla situazione delle persone senza dimora che nonostante il gelo di queste notti continuano a dormire all’aperto e in particolare sotto il portico dell’ex Chiesa di San Francesco.

Ma a inizio serata era stata la consigliera Ada Mantovani (Gruppo Misto) a chiedere un resoconto sulla situazione generale, inclusa la ricerca di un’eventuale sede per un nuovo dormitorio permanente.

Dormitorio, molto tavolo per nulla. Landriscina però garantisce: “Offerti soldi e un edificio”

Mantovani, nel suo intervento, aveva dato una sua versione sul “sovrapopolamento” notturno dei portici. “Mi è stato detto – aveva affermato – che oggi chi dorme in strada lo farebbe per la carenza di posti disponibili, perché le strutture sono completamente piene”.

Il sindaco però, rifacendosi anche a recenti dichiarazioni da fonte Caritas, ha invece ribattuto che “le informazioni di cui disponiamo dicono il contrario e cioè che non vogliono venirci loro [nelle strutture disponibili, ndr]”.

Mantovani, comunque, sul tema ha rilanciato anche un’ipotesi: destinare il piano terra dell’immobile comunale di via Colonna a dormitorio “anche perché è già ristrutturata”.

Ma il sindaco ha ribattuto che “per quegli stessi locali ci sono anche altri soggetti che chiedono”.

2 Commenti

  1. Caro Sindaco Mario: ho sentito con le mie orecchie Bernasconi dire 10 gg fa che a San Francesco nessuno passa la notte: si vede che è proprio disinformato! ( io abito di fronte). Vorrei avvertire che fra poco Lì sotto inizierà lo spaccio della droga… : caro Sindaco c è poco da fare se le leggi e i regolamenti non vengono fatti rispettare!

  2. Le persone che dormono a San Francesco non possono essere accolte ad emergenza freddo perché sono persone con fragilità che necessitano di una specifica tipologia di assistenza, che il sevizio emergenza freddo non è in grado di garantire non avendo specifiche competenze e struttura. Di ciò dovrebbe farsi carico i servizi sociali che ahimè sono latitanti da diversi anni
    Pertanto agisca sui sui servizi e per favore non scarichi sulle persone di buona volontà ( = volontari).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: