Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Alleluja, ecco i lavori. Broletto, Spazio Natta, San Pietro in Atrio: “Cantieri dalla prossima settimana per 180mila euro”

Finalmente, davvero.

Dopo numerose e reiterate denunce, in primis da queste pagine e con diversi numeri di ComoZero Settimanale, fanno sapere dal Comune che: “La giunta  ha approvato gli interventi necessari a riportare in condizioni di agibilità tre importanti sedi espositive cittadine: il Broletto, lo spazio Natta, San Pietro in Atrio. I lavori, per un importo complessivo di circa 180 mila euro, sono già stati affidati e potranno partire dalla prossima settimana”.

L’arte fuori dalla porta: Broletto, Natta, San Pietro e San Francesco “chiusi per certificati”

Il percorso che porta a questi progetti è stato avviato, evidenziano dall’amministrazione “per verificare le condizioni di adeguatezza delle sedi espositive e museali della città, alla luce delle evoluzioni normative, per garantire la loro fruizione in sicurezza e individuare eventuali necessità di adeguamento”.

Dunque: “Le attività sono cominciate con la ricerca di documentazione disponibile in archivio relativa a interventi pregressi e certificazioni, rilevando che negli anni non erano stati effettuati alcuni adeguamenti obbligatori. A partire dal tema della prevenzione incendi, sono stati valutati contestualmente le condizioni degli impianti, il microclima, le esigenze manutentive, nella ricerca del delicato equilibrio tra la salvaguardia del bene tutelato e gli adeguamenti normativi”.

Como e la cultura negata: chiusi, malconci, vuoti. Gli spazi espositivi e l’elenco maledetto

Inizialmente è stato costituito un gruppo di lavoro intersettoriale all’interno dell’amministrazione, “seguito dall’affidamento di incarichi esterni a quattro team di professionisti in grado di affrontare in modo organico le problematiche con tutte le competenze specialistiche necessarie: impiantistiche, prevenzione incendi, conservazione dei beni culturali”.

Infine, evidenziano ancora: “i progetti redatti hanno acquisito i pareri e il nulla osta necessari dei Vigili del Fuoco e della competente Soprintendenza. I lavori sono stati affidati alle imprese già appaltatrici per il Comune di Como, in attuazione dell’accordo quadro per la manutenzione dei fabbricati comunali. Questo consente di contenere i tempi di attuazione, pertanto i lavori inizieranno già dalla prossima settimana”.

Parallelamente alle sedi espositive, è stato seguito un percorso affine per i lavori necessari allo spostamento degli uffici dei servizi sociali, oggi in via Italia Libera, negli spazi prima occupati da Acsm in via Vittorio Emanuele. Questi spazi saranno messi in comunicazione diretta con gli altri uffici di Palazzo Cernezzi. Gli interventi in questo caso saranno finanziati con risorse regionali per circa 87 mila euro, oltre a 40 mila euro di risorse proprie dell’amministrazione comunale.

3 Commenti

  1. Ma non ci sono tecnici interni al Comune ? Quanto costa l affidamento esterno ? E i dirigenti che in passato non hanno fatto gli adeguamenti quando sono stati rimossi ?

  2. Se è anche merito di Comozero l’inizio dei lavori, allora è anche demerito per tutto ciò che non viene fatto…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab