Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità, Economia, Solidarietà e Sociale

Case popolari, affitto e famiglie in crisi economica, arriva il contributo: ecco come funziona

È di 23 milioni di euro lo stanziamento di Regione Lombardia per le famiglie in difficoltà economiche. La delibera, presentata dall’assessore alla Casa e Housing sociale Alessandro Mattinzoli sostiene, tra l’altro, i costi della locazione sociale.

I beneficiari sono inquilini dei servizi abitativi pubblici. Tra questi i nuclei familiari in condizioni di indigenza che accedono al servizio abitativo pubblico e quelli già assegnatari che si trovano in condizioni di comprovate difficoltà economiche.

CONTRIBUTO DI SOLIDARIETÀ

“Dopo aver attivato i contributi per gli inquilini in difficoltà per il mercato privato, il nostro obiettivo è quello di raggiungere più di 20.000 famiglie”. ha commentato l’assessore. “Una misura – ha proseguito – di cui, mai come in questo momento, c’è un grande bisogno. Un contributo di solidarietà doveroso soprattutto per chi è diventato indigente a causa della pandemia e non riesce a sostenere neanche le spese di locazione degli alloggi popolari”.

MISURA DI SOSTEGNO

Per entrambe le tipologie il contributo regionale ha carattere temporaneo con l’obiettivo di sostenere il recupero dell’autonomia economica e sociale del nucleo familiare.

NUOVO PATTO SOCIALE

“Poter incrementare questo stanziamento – ha concluso l’assessore – è un impegno che ci assumiamo. Occorre un nuovo patto sociale. Regione Lombardia c’è, perché nessuno sia lasciato solo”.

CONTRIBUTO

Il contributo viene attribuito ai nuclei già assegnatari di un servizio abitativo, in condizioni di difficoltà economica, per un periodo di 12 mesi e a tutti i nuclei familiari, in condizioni di indigenza al momento dell’assegnazione del servizio abitativo, a seguito della stipula del contratto di locazione per un periodo di 36 mesi.

COME RICHIEDERLO

A Comuni ed Aler il compito di assegnare ai nuclei familiari le risorse e di emanare inoltre un avviso che definisce le condizioni, le modalità e i termini per la presentazione delle domande.
Gli enti dovranno poi trasmettere le informazioni e i dati relativi alla rendicontazione entro il 30 aprile 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo