Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Via Luini, chiude anche Seveso. Dopo 60 anni, addio al tempio del lusso e delle grandi griffe

Sessant’anni di attività, un nome che ha fatto la storia del commercio cittadino, un altro negozio storico che chiude i battenti.

Ha senz’altro segnato il tempo della moda e del lusso, ospitando le più grandi griffe, l’elegantissimo Seveso di Via Bernardino Luini 10.

Il 2019 è stato segnato da un lungo periodo (con cartelli affissi all’esterno) di ribassi e sconti. Poi stamani l’ultimo passo, è iniziato lo smantellamento di mobili e espositori.

La proprietà conferma la chiusura dell’attività ma, per il momento, chiede e mantiene massimo riserbo sul futuro.

In centro circolano voci rispetto all’arrivo di un grandissimo marchio nei locali ormai svuotati ma è la notizia più classica: quella che rimbalza ogni volta che chiude un’attività commerciale tra le mura. Staremo a vedere, sicuramente qualcuno arriverà, la posizione è oggettivamente gustosa.

Il negozio è stato aperto nel 1960 fa da Antonio Seveso e dal fratello Umberto, terza generazione di commercianti che continuava una tradizione centenaria partita in Brianza a Lentate sul Seveso.

AGGIORNAMENTO – 30 gennaio 2019, 23.04:

Sephora dopo l’addio a Seveso? Indizio e prova: misterioso sopralluogo con carta intestata

A proposito dei grandi cambiamenti in corso da tempo in città, giusto poche ore fa raccontavamo:

Bagatt abbandona Como: chiude lo storico negozio di scarpe dei Portici Plinio 

TAG ARTICOLO:

6 Commenti

  1. Se c’è chi offre per cedere il negozio bene, ormai solo catene internazionali si possono permettere un negozio del genere. I negozi di una volta chiusi ormai non si contano più.
    In via Plinio ricordo anch’io la di varese, ma acquistavo solo con i saldi

  2. Per Enrica Vittani: Possiedo dei quaderni degli anni 1903 -1905 con il timbro della cartoleria Plinio. Questi quaderni sono appartenuto ad un dotto personaggio dell’epoca.
    Fa piacere che ci sia un ricordo.

  3. Enrica Vittani è vero ricordo benissimo il calzaturificio di Varese.. Quando da Appiano Gentile da ragazza con le mie amiche venivamo a Como guardavamo questa vetrina con delle scarpe stupende.. Poi si andava a fare giretto anche alla standa.. X noi ragazze di allora che dal paesino venivamo a Como eravamo incantate a osservare quello che noi non avevamo.

  4. “È tutta questione di soldi, il resto è conversazione”
    Zara sbarcherà a Como ponendo in ulteriore crisi i negozi più affini.
    Chi cede ora, incassa…

  5. Veramente BAGATT non è un negozio storico prima era Calzaturificio di Varese Ci sono sempre stati cambiamenti in via Plinio mio nonno e poi mio zio avevano la Libreria Cartoleria oggi c’è un negozio di abbigliamento
    Enrica vittani

  6. Bagatte e Seveso che chiudono, Tessabit che da via Vittorio Emanuele si sposta nella meno “battuta” via Rusconi… Tutto insieme… Coincidenze oppure ghiotte e non rifiutabili offerte da parte di qualche Gruppo, russo o cinese?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: