Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Nuovo decreto Conte, a casa fino al 3 maggio. Negozi e imprese, chi può riaprire dal 14 aprile e chi resta chiuso: leggi il documento

Conferenza stampa

In diretta da Palazzo Chigi

Pubblicato da Giuseppe Conte su Venerdì 10 aprile 2020

EDIT, 23.09 – ABBIAMO APPENA PUBBLICATO IL NUOVO DECRETO COMPLETO, LO TROVI SOTTO IN FOTO E PDF

CHIUSURE-APERTURE

“Abbiamo predisposto un nuovo decreto che prolunga le misure fino al 3 maggio, sarà difficile ma non possiamo vanificare i risultati fin qui ottenuti. Bisogna tenere alta l’attenzione, la curva epidemiologica è incoraggiante”, ha detto il premier, Giuseppe Conte, appellandosi ancora al senso di responsabilità di tutti in vista di Pasqua.

“L’auspicio è che dopo il 3 maggio si possa ripartire con cautela e gradualità, ma ripartire dipenderà dai nostri sforzi”, precisa il presidente. “La nostra determinazione è allentare il prima possibile le misure per tutte le attività produttive, per far ripartire quanto prima in piena sicurezza il motore del nostro Paese a pieno regime: non siamo ancora nella condizione di farlo, dobbiamo attendere ancora”.

E un’apertura: “Prometto che se anche prima del 3 maggio si verificassero le condizioni, cercheremo di provvedere di conseguenza ad aprire alcune attività produttive. La proroga che oggi disponiamo col nuovo Dpcm fino al 3 maggio vale anche per quasi tutte le attività produttive, continuiamo a mettere la tutela della salute al primo posto ma ponderiamo anche gli interessi in campo tenendo conto della tenuta socioeconomica”.

SCARICA DA QUI IL DECRETO INTEGRALE

OPPURE LEGGI DALLA GALLERY E SFOGLIA:

COMMERCIO: ELENCO DI CHI RIAPRE E CHI NON HA MAI CHIUSO

  1. Ipermercati
  2. Supermercati
  3. Discount di alimentari
  4. Minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimentari vari
  5. Commercio al dettaglio di prodotti surgelati
  6. Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati di computer, periferiche, attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video, elettrodomestici
  7. Commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati (codici ateco: 47.2)
  8. Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati
  9. Commercio al dettaglio apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni (ICT) in esercizi specializzati (codice ateco: 47.4)
  10. Commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiale elettrico e termoidraulico
  11. Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari
  12. Commercio al dettaglio di articoli per l’illuminazione
  13. Commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici
  14. Farmacie
  15. Commercio al dettaglio in altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica
  16. Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati
  17. Commercio al dettaglio di articoli di profumeria, prodotti per toletta e per l’igiene personale
  18. Commercio al dettaglio di piccoli animali domestici
  19. Commercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografia
  20. Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento
  21. Commercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini
  22. Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet
  23. Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato per televisione
  24. Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto per corrispondenza, radio, telefono
  25. Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici
  26. Commercio di carta, cartone e articoli di cartoleria 
  27. Commercio al dettaglio di libri
  28. Commercio al dettaglio di vestiti per bambini e neonati

SERVIZI ALLA PERSONA: ELENCO DI CHI RIAPRE E CHI NON HA MAI CHIUSO

  1. Lavanderia e pulitura di articoli tessili e pelliccia
  2. Attività delle lavanderie industriali
  3. Altre lavanderie, tintorie
  4. Servizi di pompe funebri e attività connesse

ALTRE ATTIVITA’: ELENCO DI CHI RIAPRE E CHI NON HA MAI CHIUSO

  1. Coltivazioni agricole e produzione di prodotti animali
  2. Silvicoltura ed utilizzo aree forestali
  3. Pesca e acquacoltura
  4. Estrazione di carbone
  5. Estrazione di petrolio greggio e di gas naturale
  6. Attività dei servizi di supporto all’estrazione di petrolio e di gas naturale
  7. Industrie alimentari
  8. Industria delle bevande
  9. Fabbricazione di altri articoli tessili tecnici ed industriali
  10. Fabbricazione di tessuti non tessuti e di articoli in tali materie (esclusi gli articoli di abbigliamento)
  11. Confezioni di camici, divise e altri indumenti da lavoro
  12. Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero (esclusi i mobili); fabbricazione di articoli in paglia e materiali da intreccio
  13. Fabbricazione di imballaggi in legno
  14. Fabbricazione di carta (ad esclusione dei codici: 17.23 e 17.24)
  15. Stampa e riproduzione di supporti registrati
  16. Fabbricazione di coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio
  17. Fabbricazione di prodotti chimici (ad esclusione dei codici: 20.12 – 20.51.01 – 20.51.02 – 20.59.50 – 20.59.60)
  18. Fabbricazione di prodotti farmaceutici di base e di preparati farmaceutici
  19. Fabbricazione di articoli in materie plastiche (ad esclusione dei codici: 22.29.01 e 22.29.02)
  20. Fabbricazione di vetro cavo
  21. Fabbricazione di vetrerie per laboratori, per uso igienico, per farmacia
  22. Fabbricazione di radiatori e contenitori in metallo per caldaie per il riscaldamento centrale
  23. Fabbricazione di utensileria ad azionamento manuale; parti intercambiabili per macchine utensili
  24. Fabbricazione di imballaggi leggeri in metallo
  25. Fabbricazione di componenti elettronici e schede elettroniche
  26. Fabbricazione di computer e unità periferiche
  27. Fabbricazione di apparecchi per irradiazione, apparecchiature elettromedicali ed elettroterapeutiche
  28. Fabbricazione di motori, generatori e trasformatori elettrici e di apparecchiature per la distribuzione e il controllo dell’elettricità
  29. Fabbricazione di batterie di pile e di accumulatori elettrici
  30. Fabbricazione di macchine automatiche per la dosatura, la confezione e per l’imballaggio
  31. Fabbricazione di macchine per l’agricoltura e la silvicoltura
  32. Fabbricazione di macchine per l’industria alimentare, delle bevande e del tabacco (incluse parti e accessori)
  33. Fabbricazione di macchine per l’industria della carta e del cartone (incluse parti e accessori)
  34. Fabbricazione di macchine per l’industria delle materie plastiche e della gomma (incluse parti e accessori)
  35. Fabbricazione di strumenti e forniture mediche e dentistiche
  36. Fabbricazione di attrezzature ed articoli di vestiario protettivi di sicurezza
  37. Fabbricazione di casse funebri
  38. Riparazione e manutenzione installazione di macchine e apparecchiature (ad esclusione dei seguenti codici: 33.11.01, 33.11.02, 33.11.03, 33.11.04, 33.11.05, 33.11.07, 33.11.09, 33.12.92,
  39. Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata
  40. Raccolta, trattamento e fornitura di acqua
  41. Gestione delle reti fognarie
  42. Attività di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti; recupero dei materiali
  43. Attività di risanamento e altri servizi di gestione dei rifiuti
  44. Ingegneria civile (ad esclusione dei seguenti codici: 42.99.09 e 42.99.10)
  45. Installazione di impianti elettrici, idraulici e altri lavori di costruzioni e installazioni
  46. Manutenzione e riparazione di autoveicoli
  47. Commercio di parti e accessori di autoveicoli
  48. Per la sola attività di manutenzione e riparazione di motocicli e commercio di relative parti e accessori
  49. Commercio all’ingrosso di materie prime agricole e animali vivi
  50. Commercio all’ingrosso di prodotti alimentari, bevande e prodotti del tabacco
  51. Commercio all’ingrosso di prodotti farmaceutici
  52. Commercio all’ingrosso di carta, cartone e articoli di cartoleria
  53. Commercio all’ingrosso di libri riviste e giornali
  54. Commercio all’ingrosso di macchinari, attrezzature, macchine, accessori, forniture agricole e utensili agricoli, inclusi i trattori
  55. Commercio all’ingrosso di strumenti e attrezzature ad uso scientifico
  56. Commercio all’ingrosso di articoli antincendio e infortunistici
  57. Commercio all’ingrosso di prodotti petroliferi e lubrificanti per autotrazione, di combustibili per riscaldamento
  58. Commercio all’ingrosso di fertilizzanti e di altri prodotti chimici per l’agricoltura
  59. Trasporto terrestre e trasporto mediante condotte
  60. Trasporto marittimo e per vie d’acqua
  61. Trasporto aereo
  62. Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti
  63. Servizi postali e attività di corriere
  64. Alberghi e strutture simili
  65. Servizi di informazione e comunicazione
  66. Attività finanziarie e assicurative
  67. Attività legali e contabili
  68. Attività di direzione aziendali e di consulenza gestionale
  69. Attività degli studi di architettura e d’ingegneria; collaudi ed analisi tecniche
  70. Ricerca scientifica e sviluppo
  71. Attività professionali, scientifiche e tecniche
  72. Servizi veterinari
  73. Attività delle agenzie di lavoro temporaneo (interinale) nei limiti in cui siano espletate in relazione alle attività di cui agli allegati 1, 2 e 3 del presente decreto
  74. Servizi di vigilanza privata
  75. Servizi connessi ai sistemi di vigilanza
  76. Attività di pulizia e disinfestazione
  77. Cura e manutenzione del paesaggio, con esclusione delle attività di realizzazione
  78. Attività dei call center limitatamente alla attività «di call center in entrata (inbound), che rispondono alle chiamate degli utenti tramite operatori, tramite distribuzione automatiche delle chiamate, tramite integrazione computer-telefono, sistemi interatttivi di risposta a voce o sistemi in grado di ricevere ordini, fornire informazioni sui prodotti, trattare con i clienti per assistenza o reclami» e, comunque, nei limiti in cui siano espletate in relazione alle attività di cui agli allegati al presente decreto
  79. Attività di imballaggio e confezionamento conto terzi
  80. Agenzie di distribuzione di libri, giornali e riviste
  81. Altri servizi di sostegno alle imprese limitatamente all’attività relativa alle consegne a domicilio di prodotti
  82. Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale obbligatoria
  83. Istruzione
  84. Assistenza sanitaria
  85. Servizi di assistenza sociale residenziale
  86. Assistenza sociale non residenziale
  87. Attività di organizzazioni economiche, di datori di lavoro e professionali
  88. Riparazione e manutenzione di computer e periferiche
  89. Riparazione e manutenzione di telefoni fissi, cordless e cellulari
  90. Riparazione e manutenzione di altre apparecchiature per le comunicazioni
  91. Riparazione di elettrodomestici e di articoli per la casa
  92. Attività di famiglie e convivenze come datori di lavoro per personale domestico
  93. Organizzazioni e organismi extraterritoriali

FASE 2

“Il lavoro per la fase due è già partito, non possiamo aspettare che il Virus passi da solo. Superata la fase acuta dovendo convivere col virus lavoriamo su due pilastri: un gruppo di esperti che conterrà vari professionisti che dialogheranno con il comitato tecnico-scientifico per modificare le logiche dell’organizzazione del lavoro, per ripensare nuovi modelli organizzativi. Dovremo ripensare il sistema dei trasporti e della logistica”.

In vista delle riaperture (anche di maggio) Conte ha invitato le imprese a “sanificare già da ora” e ha poi confermato la nomina di Vittorio Colao a presidente del Comitato tecnico scientifico, che sarà affiancato dal comitato di esperti per programnmare la Fase 2.

EUROPA

Serviranno 1.500 miliardi di euro per fronteggiare l’emergenza a livello continentale. Numeri mai visti in tempo di pace.

 

CORONAVIRUS: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI DA COMO, LOMBARDIA E TICINO

TAG ARTICOLO:

13 Commenti

  1. Salve,
    Ho un negozio di abbigliamento sartoriale e faccio riparazioni e lavoro su misura.. Non ho dipende, lavoro da solo. Quando posso riaprire per favore? Grazie mille

    1. Buongiorno, per sapere con esattezza se può riaprire o meno deve controllare il codice Ateco esatto della sua attività e vedere se compare tra quelli elencati nei Dpcm emanati finora. Senza quella verifica impossibile dirlo. Cordiali saluti

  2. Salve,
    ho uno studio privato di Personal Training mi occupo di allenamento privato con 1 cliente in studio alla volta, quindi rapporto 1 a 1 sia con metodo tradizionale (corpo libero o funzionale) che con tecnologia EMS.
    Volevo sapere quando potrò riaprire il mio studio e se ci sarà necessità di notificare la mia riapertura. Quale ente dovrà darmi autorizzazione a riaprire.
    grazie in anticipo

  3. Salve ho un negozio di abbigliamento ed articolo sportivo da zero a sedici anni Nel Lazio posso aprire domani .!!!!????

  4. Buongiorno , ho un negozio di calzature con reparto bambini, posso aprire domani 14 aprile come da decreto? Grazie

  5. Buonasera scusatemi mi chiedevo ho una VETRERIA :lavorazione e trasformazione del vetro piano
    POSSO APRIRE DOPO IL 14aprile
    Mi fate sapere per piacere
    La mia imail (pippovetro@gmail.com)

  6. Ho un negozio di abbigliamento sportivo e non .cosi sta scritto sulla visita camerale. posso aprire il 14 aprile visto che vendo abbigliamento da bambini da0 a 16 anni e calzature?

  7. Ed il settore manifatturiero tessile per la moda e l’arredo se lo sono dimenticato?Ma questi conoscono il nord dell’Italia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo