Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Davanti al Comune ‘il corridoio della vergogna’. Cancello, coperta e senzatetto: “Landriscina e Corengia dimettetevi”

La protesta annunciata da Cominciamo da Como e Como Senza Frontiere per questa sera davanti al Comune di Como ha raccolto, oltre alla ben nota mozione leghista per un cancello anti-senzatetto, una nuova e pesantissima questione, diventata caso mediatico nazionale, il gesto dell’assessore ai Servizi Sociali, Angela Corengia, che ieri ha tolto la coperta a un senzatetto che dormiva sotto i portici dell’ex Chiesa di San Francesco.

VIDEO San Francesco, l’assessore Corengia toglie la coperta a un migrante che dorme e la getta. Cominciamo da Como: “Brutale e insensato”

Così, alle 19.30, un centinaio di manifestanti si è radunato davanti al Palazzo.

Prima, clamorosa, azione di protesta l’allestimento di una  una passerella obbligata, “il corridoio della vergogna” (così  l’hanno chiamato) per i consiglieri comunali.

“Quello che si imputa alla Corengia non è tanto il gesto di aver tolto la coperta perché potrebbe anche averlo fatto con una carezza. Il problema è che non stia lavorando per risolvere i problemi di chi dorme sotto San Francesco”, ha detto Roberto Adduci, tra i fondatori di Cominciamo da Como.

“Le dimissioni di Landriscina devono arrivare subito dopo la Corengia perché ha nominato persone indagate e pregiudicate nelle partecipate. Corengia è stata scelta a una cena di gala, le sono state cambiate le deleghe in corsa. Loro pensano di fare quello che vogliono e ora è arrivata l’ora di farci sentire. Siamo arrivati talmente in basso che ci costringono a combattere per permettere alle persone di dormire per strada”, hanno poi aggiunto gli organizzatori.

Per evitare il “corridoio” l’amministrazione ha aperto una porta laterale. Diversi consiglieri, di opposizione e maggioranza, hanno comunque optato per il classico cancellone.

Polemicissimo l’assessore al Commercio, Marco Butti, che varcando la soglia principale ha detto: “Nessun problema a percorrere la passerella. Ne avessi mai visto uno fare volontariato (dei manifestanti, Ndr) in dormitorio come faccio io”.

Fuoco e fiamme a Palazzo Cernezzi. Landriscina: “Chi oggi offende Corengia si sciacqui la bocca”

 

Un commento

  1. L’assessore Corengia ha anche promosso il pagamento di un servizio diurno per disabili maggiorenni con buona autonomia residenti nel comune, che prima era gratuito con una retta pari a quella dei servizi erogati da privati, con il pretesto che il Comune non può più fornire servizi gratuiti. Il risultato è che molti ragazzi non potranno più frequentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: