Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

VIDEO San Francesco, l’assessore Corengia toglie la coperta a un migrante che dorme e la getta. Cominciamo da Como: “Brutale e insensato”

Portico di San Francesco, questa mattina. Operazioni di pulizia e sanificazione dell’area in corso, come di consueto. Presente anche l’assessore ai Servizi Sociali, Angela Corengia. La quale, dopo aver brevemente interloquito con un migrante, si avvicina a un secondo che dorme su un materasso e sotto una coperta. Con un gesto veloce e d’imperio, Coregnia strappa letteralmente via la coperta e la getta nel prato davanti al portico, con l’uomo che si alza con aria sbigottita.

Una scena cruda, ripresa dagli attivisti di Cominiciamo da Como. Che hanno anche commentato il filmato successivamente.

“Questa mattina, durante la sanificazione dei portici di San Francesco, l’assessora Corengia si è resa protagonista dell’ennesimo episodio che vede chi dovrebbe lavorare per l’inclusione sociale comportarsi in modo brutale ed insensato con le persone che dimorano in strada – si legge nella presa di posizione – Non è tollerabile che una persona si comporti in questo modo, tanto meno se questa persona è l’assessora alle politiche sociali: un giorno dà l’elemosina, il giorno dopo strappa le coperte per svegliare chi ha passato la notte sotto un portico, incurante anche del fatto che ormai non ci siano più trenta gradi”.

“È un comportamento inaccettabile che descrive però in modo perfetto l’atteggiamento di questa giunta verso le persone senza fissa dimora: intollerante e violento – aggiungono gli attivisti – Domani sera alle 19.30 saremo fuori dal consiglio comunale per manifestare tutta la nostra rabbia e il nostro sdegno nei confronti di questa giunta”.

La coperta del senzatetto. Parla Corengia: “Sveglio tutti con dolcezza, come un cameriere. Uno di loro, alla terza volta, non voleva proprio alzarsi”

Cancellata anti-senzatetto, la Lega: “Improrogabile. La vogliamo noi, i cittadini, gli esercenti, il decoro”

13 Commenti

  1. Corengia sindaco dal 2022!
    Ha fatto benissimo, sono dei maleducati senza rispetto per una persona anziana!

  2. La palese inadeguatezza di questa persona a ricoprire il ruolo di Assessore ai servizi sociali del Comune di Como emerge, oltre che dal gesto stupido e villano, soprattutto dal fatto che sia lì, a gestire (molto male) un operatività che il suo ruolo senza dubbio non richiede. Ciò che il suo ruolo richiede, e la città intera pure, è che si organizzino al più presto soluzioni strutturate ed efficaci che risolvano questa situazione, non più tollerabile tanto per le persone in strada, quanto per la città tutta

  3. Bravo Corengia. Fa un lavoro a lui congeniale. Che livello. Una scena abituale nel mondo vedere assessori che fanno questo

    1. l’articolo fa una descrizione ridicola dell’accaduto. e poi parliamo di far spostare dei clandestini che dormono occupando abusivamente uno spazio cittadino che a spese di noi cittadini deve essere sempre disinfettato dai loro escrementi.
      ha fatto benissimo.

      1. Prima di tutto c’è modo e modo di chiedere ad altre persone di spostarsi.

        E poi che ne sai se sono clandestini o meno?

  4. Ma chi dovrebbe occuparsi di allestire strutture adeguate è proprio questa signora che si limita a far pulire e a compiere gesti assolutamente inutili come togliere una coperta.

  5. Sul tema senzatetto la frustrazione di questa Amministrazione è evidente. Gli ha tolto la coperta e l’ha buttata nel prato. Un po’ come, all’uscita da scuola, i bulletti fanno con le sciarpe o con i berretti di lana delle loro piccole vittime.
    Il senzatetto si è comportato in modo più signorile. Come si fa con tutte le persone che danno fuori di testa, ha evitato di dar corso alla provocazione e civilmente ha lasciato perdere.
    Una situazione paradossale quanto la delega al Decoro e ai Servizi Sociali che è stata assegnata a questa signora se non sbaglio mai votata e mai eletta in quel di Como. Non c’è che dire, l’hanno scelta proprio bene.😊

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: