Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Natale col Dpcm: cene, negozi, bar, ristoranti e spostamenti. Tutti gli orientamenti del Governo

E’ in fase di impacchettamento – no, niente fiocco, non è un regalo – il Dpcm Conte in vista del Natale.

Ecco quali sono gli orientamenti del Governo. La versione finale sarà firmata il 4 dicembre.

Orari, coprifuoco, feste

L’orientamento è un coprifuoco alle 22 e fino alle 6 di mattina per tutte le festività (ovviamente, Zone Rosse e Arancioni sono già in queste condizioni).

Per quanto riguarda Natale e Capodanno si discute ma l’orientamento è vietare spostamenti e assembramenti notturni. Saranno raccomandati festeggiamenti in famiglia stretta con particolare attenzione a anziani, persone malate o comunque fragili. Il consiglio dovrebbe essere quello di invitare al massimo sei persone in casa ma è, appunto, un’indicazione, non esiste dispositivo legislativo che possa istituire obblighi nelle case dei cittadini.

Negozi

Si concretizza l’orientamento sull’apertura fino alle 21 per scaglionare gli acquisti. Centri commerciali non alimentari e grandi strutture di vendita potrebbero riaprire nei festivi e nei fine settimana nei 15 giorni che precedono il Natale.

Bar e ristoranti

Nessuna deroga al momento sarebbe prevista: chiusura alle 18 nelle Zone Gialle, totale in quelle Rosse e Arancioni. Un tasto dolentissimo. Restano consentiti asporto e consegna a domicilio. Si ipotizza una chiusura totale, per tutti, in tutto il Paese per Natale, Santo Stefano e Capodanno. Vietate le feste pubbliche e private nei locali.

Spostamenti

Sarà vietato viaggiare tra regioni anche se in Zona Gialla. Obiettivo evitare milioni di italiani in viaggio come l’estate scorsa. Ovviamente il rientro a casa è sempre consentito.
Nel dibattito c’è chi preme per qualche deroga, tipo consentire il rientro per festeggiare in famiglia, con autocertificazione.

Seconde case

Sì ma solo se collocate nella stessa regione di residenza, ovviamente vale per la Zona Gialla. In Zona Rossa e Arancione non si può, in ogni caso, lasciare il proprio Comune.

Rientro dall’estero

Tampone obbligatorio e quarantena. Non c’è ancora chiarezza però: va stabilito se la decisione varrà per il rientro da tutte le nazioni o solo alcune

Scuole

Superiori chiuse fino al sette gennaio. Come noto in Zona Rossa sono a casa anche gli studenti di seconda e terza media. Non in Zona Arancione, quella in cui ci troviamo da oggi, dove le medie sono pienamente operative.

Messa il 25 dicembre

Le singole parrocchie decideranno a che ora sulla base delle disposizioni finali del Dpcm e, chiaro, sulla base del coprifuoco. Ok ai cori ma con i cantanti distanziati di un metro con due metri tra ogni fila.

 

TAG ARTICOLO:

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab