Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Non bastava l’abbandono, Como Pulita denuncia: imbrattato l’Asilo Sant’Elia, capolavoro razionalista di Terragni

Non c’è pace per l’Asilo Sant’Elia, capolavoro razionalista sfortunato e trascurato, nato dal genio di Giuseppe Terragni.

Non bastava l’assurda telenovela del restauro e della ristrutturazione, come noto arenati da anni e, laddove gli interventi sono stati effettuati, l’esito ha prodotto risultati discutibili e discussi. Impossibile trascurare, inoltre, che il gioiello del razionalismo comasco non è soltanto un monumento ma anche vissuto e frequentato dai bambini, ormai da tempo inevitabilmente trasferiti altrove per il protrarsi del cantiere (che a oggi nessuno sa esattamente quando finirà).

Asilo Sant’Elia, vergogna nero su bianco. La relazione del Comune: “Apertura entro il 2023”

Ora a ferire ulteriormente l’Asilo Sant’Elia ci si sono messi pure gli imbrattatori, come denuncia il gruppo di volontari “Per Como Pulita”, che da anni si batte per cancellare le brutture a suon di spray e vernice che hanno flagellato la città.

“Durante la scorsa notte – hanno infatti segnalato con amarezza i volontari – è stato vandalizzato dai soliti incapaci con sedicenti velleità artistiche”.

A corredo una foto eloquente, con l’enorme scritta nera apparsa sulla facciata bianca. Un ennesimo sfregio che davvero il capolavoro di Terragni non meritava.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo